Reinhold Messner: "On top. Donne in montagna"

Alpinismo al femminile nel nuovo libro del grande scalatore

Reinhold Messner

Reinhold Messner – Credits: Ansa/Wallisch

Andrea Bressa

-

Quando Reinhold Messner scrive non manca mai l’amore della sua vita: la montagna . Ma nell’ultimo libro il celebre alpinista aggiunge un altro ingrediente all’argomento: la donna.

Il volume si intitola On top. Donne in montagna, edito da Corbaccio e racconta in modo appassionato la storia dell’alpinismo in rosa. Messner ha raccolto le avventure delle più celebri scalatrici, come Hettie Dyhrenfurth, Lynn Hill, Junko Tabei, l’italiana Nives Meroi o la leggenda dei nostri tempi, Gerlinde Kaltenbrunner , la prima donna al mondo (e la prima persona di nazionalità austriaca) ad aver scalato tutti e quattordici gli ottomila metri senza usare ossigeno supplementare.

L’emancipazione femminile passa in questo libro attraverso le fatiche di tutte quelle donne che hanno sfidato i monti e, soprattutto, i colleghi dell’altro sesso: cento anni fa il grande scalatore austriaco Paul Preuß affermava “La donna è la rovina dell’alpinismo”. Ebbene, anche grazie a On top di Messner, è facile intuire come la montagna, a differenza degli uomini, non faccia poi molte distinzioni di sesso. Contano soprattutto passione e determinazione nella sfida con le vette.

Messner recentemente avrebbe affermato che, in realtà, le donne avrebbero addirittura una particolare predisposizione fisica per l’attività in parete, che le renderebbe più agili rispetto ai maschi. Ad avvicinare i due sessi ci sarebbe la stessa grinta agonistica, che a quanto pare porta anche le signore a invidie e rivalità talvolta velenose.

© Riproduzione Riservata

Commenti