Libri

Premio Pulitzer 2015: il vincitore è Anthony Doerr

L’americano si aggiudica il prestigioso premio con 'Tutta la luce che non vediamo', romanzo ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale

tutta-la-luce-che-non-vediamo

Andrea Bressa

-

Saranno certamente contenti in Rizzoli, sapendo di aver puntato ancora su un cavallo vincente. Anche quest’anno, infatti, il Premio Pulitzer per la narrativa se lo è aggiudicato un autore della loro scuderia. Si chiama Anthony Doerr, scrittore americano che con il romanzo Tutta la luce che non vediamo ha ereditato lo scettro che è stato nel 2014 di Donna Tartt e il suo Cardellino.

Il libro di Doerr è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, nella Francia occupata. La trama ruota attorno a Marie-Laure, una bambina francese non vedente, e a Werner, un ragazzo tedesco della Gioventù hitleriana. Il giovane è molto bravo nell’usare e riparare le radio, abilità che lo porta in missione per localizzare i partigiani. I destini dei due si incroceranno a Saint-Malo, una delle cittadine che a due mesi dal D-Day resiste ancora all’assalto delle forze Alleate.

Secondo la giuria del Pulitzer, Tutta la luce che non vediamo è “un romanzo intricato e fantasioso, ispirato agli orrori della Seconda Guerra Mondiale e scritto in brevi ed eleganti capitoli che esplorano la natura umana e la potenza contraddittoria della tecnologia”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

‘Il cardellino’, il romanzo Pulitzer di Donna Tartt

Scopriamo il libro che ha fatto vincere all’autrice americana il prestigioso premio

Perché Murakami non vince il Premio Nobel

L'autore giapponese è il portabandiera di una schiera di grandi scrittori ogni anno superfavoriti, ma che non riescono mai ad arrivare al podio

Premio Strega 2015: i 12 libri finalisti

Tra i 26 candidati è stata selezionata la dozzina che può ambire al riconoscimento, che sarà assegnato il 12 luglio

Commenti