Simona Santoni

-

I principali festival cinematografici hanno segnato la rotta, indicando i film che con molta probabilità saranno i frontrunner degli Oscar 2019. 

Ecco quelli che potrebbero attrarre le nomination dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, che saranno annunciate il 22 gennaio 2019. La cerimonia di premiazione si terrà il 24 febbraio 2019 al Dolby Theatre di Los Angeles, presentata dall'attore comico afroamericano Kevin Hart.

1) Roma di Alfonso Cuarón

La Mostra del cinema di Venezia negli ultimi anni è stata stella cometa degli Academy: La forma dell'acqua, Il caso Spotlight, Birdman, sono stati recenti Oscar come miglior film e sono tutti passati dal Lido. 
Roma, il Leone d'oro 2018, potrebbe non essere da meno. Cuarón ha già collezionato nomination per Y tu mamá también e I figli degli uomini e ha vinto due Oscar tecnici per Gravity. Dopo Iñárritu e del Toro, a Los Angeles potrebbe spuntare ancora un'ode al Messico.
Roma (in Italia dal 14 dicembre su Netflix, dopo essere stato per tre giorni al cinema), tra l'altro, è stato inserito dal National Board of Review tra i migliori 10 film del 2018.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film, regia.

2) A star is born di Bradley Cooper  

Con oltre 340 milioni di dollari di incasso, A star is born sta incassando i consensi del pubblico. Il debutto alla regia di Bradley Cooper è lodevole, anche se non folgorante. A folgorare, però, potrebbe essere lei, Lady Gaga, la pop star alle prese con la sua prima prova da attrice. Per niente male senza trucco da fenomeno da palco, ragazza della porta accanto sulla scia di un sogno. 
A star is born è stato inserito dal National Board of Review tra 
i migliori 10 film del 2018.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Migliore attrice protagonista per Lady Gaga.

3) Senza lasciare traccia di Debra Granik

Debra Granik è la regista che ha lanciato Jennifer Lawrence con Un gelido inverno, che ottenne quattro nomination agli Oscar e valse all'attrice la prima delle sue quattro candidature. Senza lasciare traccia è la commovente storia di un padre (Ben Foster) e una figlia (Thomasin McKenzie) che vivono come selvaggi nel Pacifico sudoccidentale.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film, migliore attrice protagonista per Thomasin McKenzie.

4) Beautiful Boy di Felix Van Groeningen

Storia vera, pugno nello stomaco, Beautiful Boy racconta il dramma di un padre che lotta contro la dipendenza da metanfitamine del figlio. Protagonisti Steve Carell e Timothée Chalamet, lanciato l'anno scorso da Chiamami col tuo nome che lo fece diventare il più giovane candidato al miglior attore dal 1939.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attore protagonista per Timothée Chalamet.

5) Se la strada potesse parlare di Barry Jenkins

Il precedente film di Jenkins, Moonlight, fu la sorpresa degli Oscar 2017 e riuscì a soffiare - con clamorosa gaffe last minute - la statuetta più ambita a La La Land di Damien Chazelle. Ora il regista afroamericano propone l'adattamento cinematografico del romanzo del 1974 Se la strada potesse parlare di James Baldwin. Il film è stato inserito dal National Board of Review tra i migliori 10 del 2018.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film, regia, migliore sceneggiatura non originale, migliore attrice non protagonista a Regina King.

6) First man di Damien Chazelle

Dopo il musical La La Land, Chazelle ha rinnovato la collaborazione con Ryan Gosling, che in First man interpreta il primo uomo sulla Luna, Neil Armstrong, inquadrato negli anni tra il 1961 e il 1969. 

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attore protagonista per Ryan Gosling, attrice non protagonista per Claire Foy.

7) La ballata di Buster Scruggs di Joel and Ethan Coen

Sceneggiatura dei fratelli Coen? Ovviamente da nomination. A Venezia il western antologico sulla frontiera americana ha vinto il Premio Osella e il Lido, come già detto, è spesso profetico. La ballata di Buster Scruggs è stato inserito dal National Board of Review tra i migliori 10 film del 2018.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Sceneggiatura.

8) Widows - Eredità criminale di Steve McQueen 

Con 12 anni schiavo - neanche il suo film più riuscito - McQueen vinse l'Oscar al miglior film. Con Widows, thriller al femminile, non potrà fare altrettanto. Ma le sue attrici hanno buone chance.  

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attrice protagonista a Viola Davis.

9) La favorita di Yorgos Lanthimos

La favorita, commedia nera in costume del greco Yorgos Lanthimos, dalla Mostra del cinema di Venezia ha portato a casa sia il Leone d'argento che la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Olivia Colman. Ha dominato anche i British Independent Film 2018 con dieci premi vinti. 

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film, regia, sceneggiatura, attrice protagonista a Olivia Colman, attrice non protagonista a Rachel Weisz.

10) Destroyer di Karyn Kusama

Dalla regista di Jennifer's body, un crime drammatico che potrebbe valere una nuova nomination per Nicole Kidman, detective della polizia di Los Angeles costretta ad affrontare i propri demoni personali e professionali.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attrice protagonista a Nicole Kidman.

11) Black Panther di Ryan Coogler

I produttori Marvel puntano forte sul loro Black Panther: sono convinti possa essere il primo film di supereroi ad ambire a nomination in 16 diverse categorie degli Oscar. Il film ha avuto successo di critiche e botteghino. Per di più presenta un supereroe nero che all'Academy, sempre più politicamente corretta, potrebbe piacere.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film, attore protagonista a Chadwick Boseman.

12) The Hate U Give di George Tillman Jr.

Adattamento dell'omonimo romanzo del 2017 di Angie Thomas, The Hate U Give è un'evoluzione del genere young adult che potrebbe meritare l'attenzione dell'Academy. Figlio del nuovo cinema afroamericano, racconta le vicende dell'adolescente Starr (Amandla Stenberg), residente nel ghetto nero di Garden Heights ma studentessa del liceo Williamson, popolato da benestanti e per lo più bianchi.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Sceneggiatura non originale. 

13) Maria Regina di Scozia di Josie Rourke

Una delle rivalità più celebri del Regno Unito, quella tra la carismatica Mary Stuart, regina di Francia a 16 anni e vedova a 18, ed Elisabetta I, la "regina vergine". Un dramma storico (in Italia al cinema dal 18 gennaio 2019) con due attrici gradite all'Academy, Saoirse Ronan (che ha già ricevuto tre nomination, l'ultima per Lady Bird nel 2018) e Margot Robbie (una nomination anche lei nel 2018 per Tonya).

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attrice protagonista a Margot Robbie, attrice protagonista a Saoirse Ronan.

14) Copia originale di Marielle Heller

Copia originale (Can you ever forgive me?) è un biopic tragicomico sulla biografa Lee Israel che, caduta in disgrazia, divenne una maestra della contraffazione. La interpreta Melissa McCarthy. Richard E. Grant è il suo socio truffaldino.

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Attrice protagonista a Melissa McCarthy, attore non protagonista a Richard E. Grant.

15) BlacKkKlansman di Spike Lee

Commedia nera raffinata su un poliziotto afroamericano infiltrato nel KKK negli anni '70, a Cannes ha raccolto applausi e ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria. Per Spike Lee potrebbe essere la prima nomination a miglior film (dopo l'Oscar alla carriera e le candidature a miglior sceneggiatura per Fa' la cosa giusta e miglior documentario per 4 Little Girls). 

POSSIBILI PRINCIPALI NOMINATION: Film.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Oscar 2019: i 21 italiani candidati a miglior film straniero

Da "Lazzaro felice" di Alice Rohrwacher a "Napoli velata" di Ferzan Ozpetek

Premi Oscar: come cambierà la cerimonia e perché

L'Academy ha annunciato importanti (e discutibili) novità che verranno introdotte dal prossimo anno

Oscar 2018: miglior film "La forma dell'acqua" di Guillermo del Toro - Foto

L'Italia fa festa: "Chiamami col tuo nome" di Luca Guadagnino vince per la sceneggiatura. Migliori attori Frances McDormand e Gary Oldman

Oscar 2018, i 5 discorsi più belli

Ecco le parole che ci hanno colpito di più: dall'appello femminista di Frances McDormand al ringraziamento da "immigrato come tanti altri" di Guillermo del Toro

Commenti