Sport

Scontro sui gay al Super Bowl

Chris Culliver, colonna dei San Francisco 49ers, non gradisce omosessuali dichiarati in squadra. Ed è polemica - Psy al Super bowl - I momenti storici del SBowl - La sfida tra i fratelli Harbaugh

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

Il museo dei 49ers di San Francisco (Ansa/John Mabanglo)

Nel paese in cui il presidente si è detto favorevole ai matrimoni tra coppie dello stesso sesso ed è caduto il bando per i gay dichiarati nell'esercito, anche lo sport più seguito, il football, si trova coinvolto nel dibattito sui diritti degli omosessuali. Tutto questo grazie a Chris Culliver, quarterback dei 49ers, la squadra di san Francisco che contenderà il titolo ai Baltimore Ravens . In un' intervista, ha detto che i giocatori gay non sono benvenuti nella sua squadra e negli spogliatoi." Non ci sono omosessuali in squadra e io voglio che se ne stiano fuori" - ha scandito in uno scambio di battute registrato da Arti Lange, un attore comico e conduttore radiofonico.

La diffusione dell'audio, come era prevedibile, ha suscitato molte reazioni. I 49ers hanno preso le distanze dalle parole di Culliver, il suo allenatore lo ha accusato di avere pregiudizi;  lo stesso quarterback è stato invitato a chiedere pubblicamente scusa, cosa che poi ha fatto. "Ogni tanto parlo senza pensare" - ha detto in una dichiarazione. Alla vigilia del Super Bowl, la netta uscita del 24enne giocatore californiano ha avuto almeno il merito di far focalizzare l'attenzione dell'opinione pubblica sul rapporto tra l'omosessualità e il gioco considerato più virile dagli americani.

Sarà proprio per questa ragione che nella NFL non ci sono omosessuali dichiarati, nonostante siano molti i giocatori gay che prendono parte al campionato. Lo ha detto Wade Davis, ormai ritiratosi dall'attività agonistica, in una conversazione con il Daily Beast. La forte componente cameratesca del gioco, l'ambiente, impedisce a un gay di fare outing , ma tra sono molti gli atleti che vivono in modo semi - pubblico la loro omosessualità. "Certo, magari non giri abbracciato con il tuo ragazzo, ma molti compagni di squadra sanno che hai un boy friend, o che non ti piacciono le donne". Questa condizione di riservatezza permette loro di non avere problemi con la società e con il pubblico. "Se ci sono feste, barbecue o altro, il giocatore gay è invitato, mentre il suo partner no. Così non accade, ovviamente con le moglie degli altri compagni di squadra".

Insomma, nel football, per i gay, c'è ancora poco spazio. Brandon Ayanbadejo, difensore dei Ravens di Baltimora è l'unico che finora ha preso parte a una campagna per i diritti degli omosessuali. Manti Te'o, la star della linea difensiva dei Notre Dame, è stato al centro dell'attenzione per aver raccontato che la sua ragazza era morta, mentre invece, la donna di cui parlava era viva e vegeta, ma lui non lo sapeva. Una versione che, per molti, servirebbe  a coprire la sua omosessualità.

C'è chi ha fatto outing in modo involontario. Si tratta di Kwame Harris, ex giocatore proprio dei 49ers. Qualche giorno fa ha subito un processo per aver aggredito la scorsa estate fuori da un ristorante californiano il suo ex fidanzato.  

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>