Bloom, Stella, Flora, Tecna, Musa e Aisha in carne ed ossa sul lungomare o in pedalò, e poi un vero villaggio Winx, musiche, coreografie e tanti laboratori per bambini.

Jesolo, per quattro giorni, s'è tinta di rosa per ospitare il primo raduno mondiale per le ammiratrici delle fatine nate dalla fantasia di Iginio Straffi. Un successo senza precedenti che ha visto convergere nella cittadina veneta 100.000 persone accorse per far parte di questo Winx Club allargato. Bimbi in visibilio, genitori spaesati tra ali di fata, glitter, colori e giochi a tema Winx.

Quello delle Winx è unn progetto tutto made in Italy e non poteva che essere in Italia il raduno mondiale per le appassionate.

Piccole fan sono arrivate da Russia, Turchia e dal sud est asiatico confermando il successo della Rainbow di Straffi.

A Tgcom24 l'imprenditore ha dichiarato: "Dopo 10 anni di successi ci sembrava bello fare incontrare le Winx con i fan. La risposta è stata subito entusiasta. Altri Paesi ci hanno fatto anche offerte importanti per ospitarla ma abbiamo scelto Jesolo perché ci è sembrato il luogo più adatto per tutte le iniziative che avevamo in mente".

Jesolo è stato occasione anche per presentare le novità del mondo Winx a partire dalla collana Read&Play, creata con l’innovativo software Pub Coder scaricabile su E-book. Fatine social che hanno, tra l'altro, anche un account Instagram col quale poter interagine con le followers e che si preparano a sbarcare sul grande schermo in live action.

Non solo: parte del ricavato della 4 giorni di eventi verrà donato a Trenta ore per la vita per sostenere bambini ed adolescenti malati di tumore.

Tutta la città, per 4 giorni, è stata addobbata a misura di Winx con hotel convenzionati e ristoranti con menù a tema, gioia di aspiranti fate grandi e piccine in attesa di poter scattare una foto con la fatina del cuore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti