Sport-apertura
Life

I sei nuovi sport dell'estate 2017

Boxe nell'acqua, sci sulla sabbia. Materassini per tonificarsi, tavole per pedalare al largo e altri metodi per rimanere in forma in vacanza

Alcuni prendono a pugni le onde indossando guantoni abbinati al costume da bagno, altri le sfidano aggrappati al materassino, gonfio incrocio ribelle tra un toro meccanico e una tavola da surf. C’è chi sfreccia sulla spiaggia calzando gli sci o si tortura di addominali e flessioni ancorato a mucchietti di terra, sotto lo sguardo pietoso degli altri bagnanti. Qualcuno fa step galleggiante, tira fuori dallo zaino gli elastici assieme alla crema solare o punta il chiosco delle bibite a bordo di uno skateboard, brandendo un bastone da montagna. Per darsi slancio, si spera, non per farsi largo tra la folla.

Evoluzioni, più che rivoluzioni

Ecco l’evoluzione, a ragione anche un po’ la deriva, dello sport in vacanza. Il riflesso atletico del desiderio di rimanere in forma divertendosi, sostituendo il solito jogging o la sosta agli attrezzi en plein air con discipline mai provate prima, frutto di variazioni sul tema, contaminazioni e diversificazioni di riti aerobici già noti. Panorama ha scelto una mezza dozzina di primizie, presentate da poco a RiminiWellness, la fiera del fitness per eccellenza, o di moda all’estero però facilmente riproducibili sulle nostre coste, al lago, in piscina, in parchi e riserve. Requisiti: abilità abbordabili e spese nulle o minime. L’unico investimento riguarda il fiato, perché i muscoli lavorano e parecchio: si suda, si bruciano calorie.

Quanto vale lo sforzo

Come minimo 300 calorie per mezz’ora di attività, secondo il calcolo di Ilario Volpe, responsabile dell’innovazione di Virgin Active ed esperto di nuove tendenze sportive. «L’outdoor» spiega «è un ottimo terreno di sperimentazione rispetto ai limiti fisici di uno spazio chiuso». Oltre a favorire le avanguardie, le rende meno traumatiche da affrontare: «La luce di un tramonto o il vento» ricorda Volpe «rappresentano una motivazione naturale». Quasi un’istigazione al movimento.

Sport-dentro

– Credits: iStock. by Getty Images

Sei sport più uno

Tra le primizie da segnalare anche «Strong by Zumba», variante potenziata di un grande classico, con esercizi ad alta intensità scanditi dalla musica. Si dimagrisce in modo più rapido rispetto alla versione base, compensando o almeno tamponando i classici eccessi gastronomici nei dintorni dell’ombrellone. Ecco le altre novità.   

BOXING SPLASH

Refrigerio a parte, ha molto senso colpire un sacco o una punching ball standosene a mollo: si riducono i traumi per le articolazioni rispetto alle botte all’asciutto, la resistenza dell’acqua stimola meglio i muscoli e corregge i vizi posturali. Se poi il tutto avviene al ritmo di una musica frenetica, sembra quasi di partecipare a un ballo di gruppo più che a una mimesi di un qualsiasi film della saga di Rocky. L’attività è nata per essere fatta al chiuso, ma non ci sono controindicazioni a proporla in mare o in una piscina all’aperto. Come stanno cominciando a fare alcuni bagni e resort in Calabria e in Sardegna.

Consumo calorie 350

SANDBOX FITNESS

In California è la disciplina del momento al grido di: «Sabbia soffice. Corpo tosto». La logica è quella immaginabile: salti, sgambate, movimenti rapidi sul terriccio morbido rendono gli appoggi precari e fanno decollare il dispendio calorico. Per partire, non serve imbarcarsi su un volo transoceanico: basta spiare qualche video su YouTube e riprodurre gli esercizi sulla battigia.

Consumo calorie 400

SPIKE BOARDING

Ha avuto un’investitura persino dal quotidiano Wall Street Journal per la sua capacità di stimolare forza ed equilibrio all’aperto. Di fatto, ci si spinge su uno skateboard alternando la propulsione di una gamba con quella data da un bastone da sci nordico. Un lavoro aerobico che interessa tutto il corpo.

Consumo calorie 300

SCI DI FONDO ON THE BEACH

A differenza dello spike boarding, usa i classici sci e si pratica sulla sabbia, sfruttandone l’attrito per massimizzare lo sforzo muscolare, che è notevole. Se il quasi gemello sta prendendo piede ora negli Stati Uniti (ma si può replicare ovunque, per esempio sul proprio lungomare), questo sport è già diffuso nel riminese e in Liguria. L’idea vi tenta? Portate in spiaggia l’attrezzatura da montagna.

Consumo calorie 450

REAX REAFT

Non guarderete più il placido, innocuo materassino allo stesso modo. Questa disciplina lo trasforma in una macchina infernale, su cui eseguire piegamenti e torsioni assortite, sfruttando la sua instabilità per impegnare tutto il corpo. In mare, con i capricci delle onde, la difficoltà si moltiplica.

Consumo calorie 380

PADDLEBOARD

La tavola su cui pagaiare in piedi è acquisita nella scenografia delle spiagge nostrane. La variante a pedali è l’evoluzione: i movimenti sono quelli dello step, che creano la propulsione per spostarsi. La resistenza dell’acqua alza il tasso dello sforzo, gambe e glutei ringraziano. Si noleggia in uno stabilimento o si compra a 2.500 euro su Amazon.com.

Consumo calorie 350

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I 10 tormentoni dell'estate 2017

La formula è sempre la stessa: melodia allegra e ballabile, ritornello facile da ricordare, testi per nulla “impegnati”.

Commenti