Libri

5 libri su persone che non vorresti mai incontrare

Da Heinrich Himmler a Pol Pot, da Hitler a Vlad l’impalatore, le biografie degli uomini più feroci della storia

Heinrich Himmler

Heinrich Himmler – Credits: Bundesarchiv, Bild 183-R99621 / CC-BY-SA

Ci sono alcune figure storiche di cui basta pronunciare il nome per suscitare un sentimento di repulsione. Si tratta dei grandi dittatori del passato e del presente, di guerrieri spietati e di condottieri senza scrupoli. Ecco cinque libri per approfondire la loro vita e il peso che hanno avuto nella storia.

Himmler. Il diario segreto attraverso le lettere a sua moglie – Heinrich Himmler (Newton Compton)
Le lettere private del capo delle SS restituiscono al lettore la quotidianità di un uomo ordinario e del tutto privo di fantasia. L’adesione al nazismo, la conquista del potere e l’apocalittica caduta del Terzo Reich fungono da triste sfondo per l’esistenza di un burocrate del male, che dedicò una considerevole parte della sua vita all’attuazione meticolosa della cosiddetta “soluzione finale”.

Tre ritratti di dittatori. Hitler, Mussolini, Stalin – Emil Ludwig (Ginko Edizioni)
Il libro raccoglie gli scritti del giornalista e biografo tedesco Emil Ludwig, che fu costretto a lasciare la Germania nazista a causa delle sue idee politiche. Negli anni Trenta ebbe occasione di intervistare Stalin e Mussolini, mettendone a nudo le folli ossessioni e le manie di grandezza, ma il principale oggetto delle sue critiche rimase l’odiato Hitler.

Pol Pot. L’assassino sorridente – Domenico Vecchioni (Greco e Greco)
Il libro ripercorre il periodo del governo dei khmer rossi in Cambogia, durante il quale il paese venne sconvolto da un’ondata di violenza e repressione costata la vita a più di due milioni di persone. L’artefice di questo bagno di sangue fu Pol Pot, imperturbabile leader della Kampuchea democratica, che per realizzare il sogno di un’economia totalmente pianificata gettò nella disperazione gran parte del suo popolo.

Dracula l’impalatore. La biografia di Vlad Tepes principe della Valacchia – Roberto Gargiulo (Minerva)
Il conte Dracula è esistito veramente, ma con un altro nome: Vlad III di Valacchia, vissuto nel XV secolo in Transilvania, è ancora oggi considerato un eroe nazionale da molti romeni. Il motivo? Grazie alla sua abilità militare salvò il paese dall’imminente invasione turca. Ma nel resto del mondo prevale la sua leggenda nera, nata dalla terribile usanza di far impalare i nemici e di lasciarli morire fra atroci sofferenze.

Attila e gli unni. Verità e leggende – Edina Bozoky (Il Mulino)
La figura di Attila, il “flagello di Dio”, ha attraversato i secoli come simbolo di ferocia. Da un punto di vista storico, tuttavia, il re degli Unni fu più simile a un predone affamato d’oro che non a un assassino assetato di sangue. Il libro spiega chi era veramente il temuto Attila e come nacque la sua leggenda.

----
- Himmler. Il diario segreto attraverso le lettere a sua moglie– Henrich Himmler (Newton Compton)
- Tre ritratti di dittatori. Hitler, Mussolini, Stalin – Emil Ludwig (Ginko Edizioni)
- Pol Pot. L’assassino sorridente – Domenico Vecchioni (Greco e Greco)
- Dracula l’impalatore. La biografia di Vlad Tepes principe della Valacchia – Roberto Gargiulo (Minerva)
- Attila e gli unni. Verità e leggende – Edina Bozoky (Il Mulino)

© Riproduzione Riservata

Commenti