Romolo + Giuly: la nuova serie comedy di Fox, nel segno di Boris

Shakespeare riletto in chiave satirico-capitolina da un cast di "stelle"

Eugenio Spagnuolo

-

L’ultima volta fu Boris: serie comedy di cui sentiamo ancora la mancanza. Ora Fox dal 17 settembre ci riprova con Romolo + Giuly, la guerra mondiale italiana, rilettura comica di Romeo e Giulietta all'ombra del cupolone, non senza una serie di “camei” di beniamini del piccolo schermo: da Giorgio Panariello a Paolo Bonolis, da Giorgio Mastrota a Paolo Bonolis, fino a Fortunato Cerlino.

 

Che cosa vedremo in Romolo + Giuly
L’incontro fortuito tra Romolo Montacchi (Alessandro D’Ambrosi) e Giuly Copulati (Beatrice Arnera). Giuly è destinata, come usanza nel suo ambiente, a un matrimonio di convenienza, ma l’imprevista scintilla amorosa scaturita dall’incontro con Romolo cambierà il suo destino. Ma se Roma è in lotta, il resto d’Italia non rimane a guardare e una terribile e sotterranea minaccia incombe sulla Capitale. Napoli e Milano - capitanate rispettivamente da Don Alfonso (Fortunato Cerlino, Gomorra) e da Giorgio Mastrota (nei panni di se stesso) - unite dall’odio per Roma si coalizzano nella più insospettabile delle alleanze. Le due città sono infatti esasperate dal bullismo culturale dei romani, che da sempre dileggiano i milanesi come dei noiosi stakanovisti avvolti dalla nebbia e i napoletani come “mariuoli” sommersi dai rifiuti e dal caos.
Milano è stata privata persino della settimana della moda, trasferita di peso a Roma Nord su richiesta del boss Massimo Copulati (Massimo Ciavarro), mentre il Vesuvio è stato trasformato da Arfio Montacchi (Federico Pacifici) in un immenso inceneritore “naturale”, a seguito della chiusura delle discariche romana ormai giunte al collasso. L’obiettivo di questa impensabile alleanza fra Napoli e Milano è semplice e chiara: una volta realizzata la presa di Roma, le due città intendono separare l’Italia. Al Nord un’efficientissima S.p.A., gestita da un Cda massonico milanese; al Sud una rinnovata monarchia di stampo borbonico. Ma come realizzare la conquista della Città Eterna? L’amore contrastato tra Romolo e Giuly e l’inasprirsi dello scontro tra Montacchi e Copulati - in lotta per la poltrona di Sindaco di Roma - rappresentano l’occasione perfetta. La rivalità politica tra le parti si è ormai trasformata in una furibonda battaglia che coinvolge tutti i quartieri della città in uno scontro senza esclusione di colpi fra l’epico e il grottesco. Finalmente il momento tanto atteso dell’invasione della Capitale da parte dell’asse Napoli-Milano è giunto. È scoppiata la “Guerra mondiale italiana”.

Il trailer

Il cast
Quasi come fosse un portafortuna della serialità di Fox, in Romolo + Giuly c’è anche Francesco Pannofino, qui nei panni del Presidente della Regione Lombardia, sfegatato tifoso della Lazio ed emanazione del clan dei Copulati per la romanizzazione di Milano. E ancora Michela Andreozzi, nel ruolo di Olimpia Copulati - madre di Giuly e annoiatissima e rifattissima moglie di Massimo Copulati - e Lidia Vitale che dà il volto alla “lupa” di Roma Sud, Anna Montacchi, moglie di Arfio e madre di Romolo. Completano il cast Niccolò Senni, Matteo Nicoletta e David Pietroni, i fedelissimi amici di Romolo; Stefano Fregni, Marco Gambino, Lucio Patané, Umberto Smaila nei panni di se stesso, Ludovica Martini, Andrea Trovato (voce e movimenti del pupazzo Tciù, il malefico e rancoroso personaggio peloso fondatore della Massoneria milanese insieme a Mastrota) e Nunzia Schiano.

Gli autori
Creatori della serie sono Michele Bertini Malgarini (che cura anche la regia), Giulio Carrieri e Alessandro D’Ambrosi, già creatori nel 2016 del pluripremiato cortometraggio per il web Romolo + Giuly, da cui è tratta la serie, in cui si ironizza sulle differenze ideologiche, sociali, linguistiche e antropologiche tra Roma Nord e Roma Sud.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

The Good Fight 2: torna la serie tv anti-Trump. Foto e trailer

Anche nella seconda stagione, lo spinoff di The Good Wife promette battaglia. E il nemico è sempre The Donald.

Rise: il ritorno di Josh Radnor in una serie tv

il Ted i How I met your mother si rifà vivo con una serie tv ispirata a un romanzo di Michael Sokolove. Sarà nuova gloria?

The Purge: il trailer e tutte le foto della serie tv

Il franchise degli horror distopici The Purge rivive (si fa per dire) in una nuova serie di Amazon Prime Video

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965