Serie TV

Il Commissario Montalbano: tutto sulla nuova serie

"La giostra degli scambi" e "Amore", diretti da Alberto Sironi, in onda il 12 e il 19 febbraio su Rai 1. Fabrizio Bentivoglio nel cast de Il Commissario Montalbano

Luca Zingaretti Il commissario Montalbano

Francesco Canino

-

L’arresto, il possibile matrimonio (o è solo un sogno?) e due indagini assai complicate. È un ritorno clamoroso quello de Il Commissario Montalbano: dopo vent’anni di storia televisiva, per un totale di trentadue episodi – e 147 repliche e punte del 40% di share – la serie culto ispirata ai romanzi di Andrea Camilleri è pronta a stupire i telespettatori con due nuovi imperdibili episodi in onda il 12 e il 19 febbraio su Rai 1.

Il Commissario Montalbano, tutto sui nuovi episodi

Il segreto del successo de Il Commissario Montalbano? Essere riuscito ad inserirsi, di diritto, nel solco dei grandi classici. “Montalbano è un campione di qualità: in termini di ascolti, di meticoloso lavoro di scrittura, regia e grandi prove attoriali”, ha sottolineato Tinny Andreatta, l’ottima direttrice di Rai Fiction, durante la presentazione alla stampa, il 1° febbraio.

Montalbano è un motivo di orgoglio per la serialità italiana, esportato – caso unico - in 60 paesi al mondo. “Vincono la qualità, l’immagine che dà dell’Italia e il personaggio: Salvo è un uomo imperfetto e per questo più reale e credibile”.

Protagonista indiscusso dei due nuovi episodi, è come sempre Luca Zingaretti. Lo giostra degli scambi si apre con un colpo di scena, ovvero l’arresto di Montalbano: trascinato dalla pantomima di una serie di vicende al limite del grottesco, non riesce a decifrare i segnali e, per la prima volta, sembra sul punto di arrendersi.

Il secondo, Amore, è la cucitura di due racconti straordinari in cui porta i suoi personaggi al compimento degli amori, a volte tragici, a volte comici, a volte teneri e consolatori. "Il filo conduttore dei due nuovi espisodi? L’amore", spiega Zingaretti. "Non è un discorso semplice da affrontare perché siamo impauriti, siamo spaventati da quello che capita a poche ore da qui, siamo incerti per il futuro".

 

Luca Zingaretti e il segreto per non stancarsi di Montalbano

"Sono molto orgoglioso di questi due nuovi film: rivedendoli mi sono sembrati davvero belli", rivela Luca Zingaretti, stuzzicato dalle domande dei giornalisti. "Il non dormire sugli allori è la scommessa per soddisfare le aspettative del pubblico", osserva, rispondendo per l'ennesima volta alle domande sull'effetto noia. 

"Se uno interpreta lo stesso personaggio per tanti episodi, esaurisce le smorfie. Qui però siamo sostenuti dalla scrittura, che ti offre delle cose da raccontare, delle profondità che all’inizio nemmeno sospetti dal personaggio. È difficile ripertersi ma in questa serie bisogna riuscire ad essere uguali nella diversità".

Poi ammette: "Vorrei fare più Montalbano e meno repliche, ma non è una cosa dipende da me", ammette sincero, mentre il produttore della fiction, Carlo Degli Esposti, che stoppa le domande sul matrimonio di Salvo e Livia, preannunciando una sorpresa per il pubblico, rivela che due nuovi film sono già in fase di sceneggiatura. Alla regia ci sarà lo strepitoso Alberto Sironi, granitica certezza della fiction, sin dal primo episodio. "È un privilegio mettere in scena quello che scrive Andrea Camilleri: non si può fare un bel film senza una straordinaria sceneggiatura", spiega.




Gli ascolti record (anche in replica)

Sul fattore repliche, si è a lungo dibattutto nella conferenza stampa, visto che Montalbano è un unicum anche in questo. Non solo ha sfondato il 44% di share in prima visione, ma mai era successo che così tante repliche venissero fatte in prima serata. "Nonostante la concorrenza forte ci siamo tolti tante soddisfazioni, toccando il 33% con episodi già visti più volte", sottolinea Luca Zingaretti

Sonia Bergamasco, Fabrizio Bentivoglio e il resto del cast

Quanto al cast dei due episodi, non mancheranno tre personaggi chiave della serie di Rai 1, ovvero Mimì Augello (Cesare Bocci), Fazio (Peppino Mazzotta) e Caterella (Angelo Russo). Da segnalare poi il ritorno di Sonia Bergamasco nei panni di Livia, la storica fidanzata del commissario.

"È un amore intenso il loro, anche se vissuto da due personalità indipendenti. Salvo non rinuncia al desiderio di solitudine e ad avere uno sguardo personale sulle cose e a Livia va bene così, da tanti anni. Tra le scene più belle di questa serie ci sono quelle girate nella casa e alla tomba di Pirandello: vedremo una Sicilia profonda, un sud inedito". 

Tra le new entry ci sono invece Serena Iansiti, Alessandro Mario e Fabrizio Bentivoglio, guest star de La giostra degli scambi, nei panni di Giorgio Bonfiglio. "È un personaggio tutto da scoprire - rivela l'attore - È stato semplice intonarsi all’atmosfera che c'era sul set: sono una quadra accogliente, si capiscono al volo, e io ho cercato di prestare molta attenzione alla lingua di Montalbano e Camilleri".


La trama de La giostra degli scambi 

Un negozio di elettronica è stato bruciato, un incendio chiaramente doloso. Ma non si tratta solo di questo: Marcello Di Carlo, il proprietario del negozio, è scomparso, di lui non c’è più alcuna traccia. È un bell’uomo Di Carlo, e anche un playboy di un certo successo, ma ha il vizio di spendere molto più di quanto riesca a guadagnare. Montalbano comincia a indagare, ma il mistero di questa scomparsa pare farsi sempre più sfuggente. E poi in quei giorni sta accadendo anche qualcos’altro, qualcosa di molto strano e inquietante.

Amore, tutto sul secondo episodio 

Montalbano non è molto a suo agio con le faccende legate all’amore. E la scomparsa della bellissima Michela Prestia mette quanto mai a dura prova la sua capacità di districarsi nei labirinti della complessità e dei fatali inganni del sentimento amoroso. Michela è una ragazza dal passato drammatico, se non addirittura tragico: respinta in giovanissima età dalla famiglia, ha incontrato gli uomini sbagliati, che l'hanno umiliata e sfruttata, conducendola di fatto a diventare una prostituta. Ma col tempo è riuscita a risollevarsi da quella rovina, si è rifatta una vita e ha trovato l’amore.

Per saperne di più: 



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché Don Matteo fa bene alla politica

L'incredibile effetto traino su Porta a Porta della fiction campione d'ascolti con Terence Hill. Così Don Matteo il giovedì spinge in alto lo share del talk politico

Don Matteo 11: le novità della serie di Rai 1 con Terence Hill

Torna il prete più amato del piccolo schermo. Don Matteo 11 al via da giovedì 11 gennaio: tra le new entry ci sono anche Maria Chiara Giannetta e Maurizio Lastrico

Romanzo Famigliare: al via la serie di Francesca Archibugi

La fiction di Rai 1 con Vittoria Puccini e Giancarlo Giannini in onda dall'8 gennaio. Romanzo Famigliare è un grande affresco contemporaneo ambientato a Livorno

Commenti