Miss Italia 2014, vince Clarissa Marchese

Miss Sicilia conquista il televoto, seconda Sara Nervo. Solo terza Giulia Salemi, una delle favorite della vigilia

Clarissa Marchese

La nuova Miss Italia è la numero 23 Clarissa Marchese: ha ventanni e studia Logopedia a Parma – Credits: Ufficio Stampa Miss Italia

Francesco Canino

-

Miss Italia 2014 è Clarissa Marchese. Dopo quattro ore di diretta, Patrizia Mirigliani e Emis Killa hanno incoronato la ventenne agrigentina, arrivata alle finali di Jesolo con la fascia di Miss Sport Lotto Sicilia. Nata a Sciacca, studia Logopedia a Parma e sogna di lavorare con i bambini: al televoto ha battuto la numero 9, Sara Nervo (Miss Veneto, applauditissima al Pala Arrex) e Giulia Salemi (Miss Sport Lotto Emilia, una delle favorite dalla vigilia), medaglia di bronzo. Ecco i momenti più belli della serata. 

CHI E' LA VINCITRICE. Clarissa Marchese è nata a Sciacca e risiede a Ribera, in provincia di Agrigento, ha 20 anni, gli occhi castani e i capelli castano scuro ed è alta 1,78. Diplomata al Liceo Scientifico con il massimo dei voti, è iscritta alla Facoltà di Logopedia a Parma: la sua aspirazione è quella di lavorare principalmente con i bambini. Il papà di Clarissa, Giuseppe, ha una pizzeria ed è amato da tutto il paese. La mamma, Marisa, è americana di origini siciliane. Clarissa sperava di vincere il titolo anche per lei, la sua più grande fan. La miss ha studiato danza per dieci anni e oraè un'appassionata di corsa e podismo. Fiorello è il suo artista preferito, Meraviglioso di Modugno la colonna sonora della sua vita. Il suo motto è: "L'audacia ha in sè potere, magia e genio".

LA FEROCIA DEL PARTERRE. Il vero show è prima della diretta, all'arrivo del pubblico al Pala Arrex. Tra ragazze in lurex e paillettes - roba che nemmeno al ballo delle debuttanti - e signore cotonatissime, lo spettacolo è garantito. Un po' festa di paese, un po' cafonal di Dagospia.

L'INIZIO COL BOTTO. L’inizio è molto Isola dei Famosi. Simona Ventura sale sul palco strizzata in azzurro Scervino, si sbraccia, gioca col carisma delle grande occasioni: può piacere o meno,  masfodera mestiere come poche altre (dal vivo, nel palazzetto dello sport, la sensazione è ancora più amplificata). "Sono carica a pallettoni", esordisce. Il pubblico del Pala Arrex apprezza e applaude sulla fiducia. Per l'emozione parla ancora più veloce del solito, incespica, la butta sull'ironia. Al giurato Marco Belinelli (1 metro e 96) chiede: "Hai trovato una fidanzata alla tua altezza?". Poi con Alena Seredova: "Tu che sei ceca...cioè non in quel senso". 

LE MISS PARLANTI. Durante la prima fase. le ragazze sono divise in quattro gruppi da sei: il televoto ne premia tre, la giuria ne salva una (ogni giurato salva la sua preferita con un meccanismo che strizza l'occhio al talent). Il ruolo del giurato scomodo lo gioca il direttore di Di Più Sandro Mayer, che pizzica le ragazze e sbotta: "Dovete essere sincere". Dopo anni di intransigente mutismo, le aspiranti miss parlano e si mettono in gioco. Vedi la numero 1, Rosaria Alex Cerlino, che si gioca il jolly dell'imitazione della scimmia (già vista alle selezioni), conquista la giuria e viene rispescata.  

TENDENZA VICTORIA'S SECRET. Un muro di led come scena, luci curatissime, impostazione all'americana. L'ispirazione è chiara sin dai primi momenti ed è subito show tendenza Victoria's Secret. I primi quattro "quadri" spaziano dall'ambientazione circo al new romantic, passando per il bon ton e lo sport. Le scenografie sciape del passato sono un vecchio ricordo. La botta di modernità è evidente, lo show scorre piacevole. La cura Magnolia, funziona. 

FUORI LA APREA. A sorpresa, non passa al secondo turno Rosaria Aprea, simbolo della violenza subita dalle donne (a causa di una storia personale complicata a causa di un ex fidanzato violento). "Rosaria, sei stata fortissima. E' un simbolo di coraggio per tutte le donne. Siamo orgogliosi di averti avuto qui. Sei una forza", la congeda la Ventura.

L'ESPERIMENTO DEL VOTO DISGIUNTO. La novità del regolamento - durante la seconda fase - è il voto disgiunto. "Un esperimento tosto" lo definisce la Ventura. Il pubblico ne salva 11 (solo su Sara Battisti, un'altra delle favorite, c'è unione d'intenti tra uomini e donne), delle cinque escluse la giuria ne ripesca una e salva Nicole Di Santo. Momenti di panico in sala stampa per decrittare il regolamento farraginoso. E c'è chi invoca ironicamente il Ministro Boschi per riformare le regole di Miss Italia

LA MIRIGLIANI C'E'. La Ventura saluta Patrizia Mirigliani solo alle 23 e 30. Prima le dedicano solo un'inquadratura en passant. Sul web c'è chi nota il dettaglio con sospetta dietrologia. Tutto previsto in scaletta, tranquillizzano poi gli autori. 

IL COMPLEANNO DI SOPHIA. Standing ovation per l'ottantesimo compleanno di Sophia Loren, proclamata Miss Italia ad honorem. "Sei la più bella e la più brava di tutte", sottolinea la conduttrice salutando l'attrice.

LE SUPERFINALISTE. Ad alto tasso di sensualità la sfilata in bikini, indumento tornato in auge dopo le remore dello scorso anno. La passerella screma le concorrenti da dodici a otto. Le ragazze tornano poco dopo in scena con gli abiti da sposa griffati Celli Alta Moda e il pubblico da casa premia attraverso il televoto Giulia Salemi, Claudia Filipponi, Sara Nervo e Clarissa Marchese: la giuria ne può salavare solo una, ma a sorpresa è si arriva ad parimerito tra Sara Battisti e Melissa Arici. I giurati rivotano ed è tre a due per Sara Battisti. E' lei la quinta finalista. "Chi volte che vinche", esplode la Ventura con la sua frase cult. Ultimo blocco pubblicitario, poi sul palco sale Emis Killa per la premiazione: la numero 23 Clarissa Marchese è la nuova reginetta di bellezza. 

© Riproduzione Riservata

Commenti