Italia's Got Talent. Costi triplicati, Mediaset rinuncia: il format passa a Sky

Il Biscione punta il dito contro Fremantle Media e annuncia di avere già in preparazione un nuovo talent show sostitutivo

giuria IGT

Rudy Zerbi, Maria De Filippi e Gerry Scotti torneranno in giuria nel prossimo talent di Canale 5 – Credits: (Ufficio Stampa Mediaset)

Francesco Canino

-

La notizia bomba l’aveva anticipata il sito Dagospia qualche settimana fa, poi venerdì il blog Davide Maggio l’ha confermata aggiungendo altri succosi dettagli: Mediaset ha respinto il rinnovo del format Italia’s Got Talent, definendo inaccettabili le condizioni proposte da Fremantle Media, che detiene l’utilizzo del format. Poche ore dopo, Sky ha confermato di aver firmato un accordo con la casa di produzione per acquisire i diritti esclusivi delle prossime due edizioni del programma.

COSTI TRIPLICATI. Il Biscione sgombra il campo da ogni dietrologia e va all’attacco: “Mediaset ha giudicato inaccettabili le condizioni richieste dal detentore del diritto che pretendeva di triplicare il costo a puntata del programma senza alcuna motivazione razionale – si legge nel comunicato diramato dal broadcasting di Cologno – L’impianto artistico e produttivo che ha costituito l’efficacia della trasmissione è stato infatti creato da Mediaset e Fascino fin dall’esordio: una giuria composta da numeri uno, l’attenta selezione dei concorrenti, la forza unica di Canale 5 che lo porta nelle case degli italiani”. Mediaset non nasconde il disappunto e usa tono forti: “Riteniamo fortemente scorretto l’espediente di far lanciare un prodotto da una tv generalista che lo ha costruito e ci ha investito per anni rendendolo il successo che è, e poi al momento del rinnovo pretendere cifre astronomiche per far pagare il valore a chi quel valore ha creato. Se altri sono disposti ad accettare condizioni capestro pur di sottrarre un successo al grande pubblico della tv gratuita, si accomodino. Mediaset procederà sulla propria strada".

UN NUOVO PROGRAMMA. Dopo cinque edizioni di grande successo, trionfo di ascolti e share, Mediaset lascia andare Italia’s Got Talent ma già pensa al futuro con la creazione di un nuovo programma. “Proprio per non privare il grande pubblico di un genere che rischia di scomparire dalla tv gratuita a favore di operatori a pagamento disposti a superare qualsiasi parametro di mercato – fenomeno già registrato con alcuni sport motoristici e con un altro talent show oscurati dalla tv generalista – Mediaset di sta muovendo autonomamente”. In fase di studio c’è dunque un altro show legato alla scoperta dei talenti in campo artistico: punto fermo, la giuria composta da Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi

LA CONFERMA DI SKY. La tivù di Murdoch ha poi confermato di aver siglato un accordo con Fremantle Media per i diritti delle prossime due edizioni di Italia’s Got Talent, in onda su Sky dalla prossima stagione tivù. “L’accordo tra Fremantle Media - detentrice dei diritti del format - e Sky Italia, e la scelta di passare il programma ad un’esclusiva pay, nasce direttamente dal successo delle tre edizioni di X Factor realizzate da Sky, riconosciute ormai tra le più innovative e riuscite al mondo. Proprio le caratteristiche che hanno decretato su Sky il successo di programmi come X Factor e MasterChef, ovvero l’innovazione tecnologica al servizio del racconto, la valorizzazione del format originale, l’eleganza delle immagini e delle riprese, una gara che ha per protagonisti talenti autentici e una nuova accelerazione nel campo dell’ interazione con il pubblico a casa, rappresentano la missione che Sky intende applicare anche nella realizzazione di Got Talent. Questa acquisizione rafforza in maniera sostanziale l’offerta di intrattenimento di Sky Italia; con Got Talent infatti l’offerta di show italiani basati sui più rilevanti format internazionali, diventa continuativa durante tutto l’anno”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti