Napoli-Cavani: scontro

Lui vuole partire ma Benitez lo blocca: "Non vogliamo cederlo"

Scontro totale tra Cavani e il Napoli. La rottura su futuro dell'uruguaiano si è ormai consumata alla luce del sole e le distanze sembra incolmabili, anche se manca ancora l'offerta giusta: 63 milioni di euro. Secondo la stampa inglese il Manchester United sarebbe ormai vicinissimo (59 milioni). Altri scrivono di un accordo con il Chelsea, sempre aspettando il Real Madrid che rappresenta il sogno del calciatore.

Cavani è tornato a parlare dal ritiro dell'Uruguay: "Sono pronto per una grande e se andrò via dal Napoli lo farò dalla porta principale. Non so se valgo 63 milioni, dovrò parlare con il presidente". Poi se l'è presa con i suoi familiari: "Quando parlano loro, non sto parlando io. L’ho detto ai miei mille volte, non parlate perchè mi danneggiate. Ovviamente, sono liberi di farlo. Quelle, però, non sono le mie parole. Io sono del Napoli, tutto dipende dal Napoli. Non penso ad altre società per il momento. Se verrà un’altra opzione, si vedrà”.

La risposta del Napoli non si è fatta attendere. La voce è quella di Benitez: "Nè il presidente nè io vogliamo che Cavani vada via, è un giocatore fondamentale per noi. Logicamente però c'è una clausola che non possiamo controllare. In ogni caso la nostra intenzione è che resti, faccia tanti gol e che continui la sua crescita con il Napoli".

© Riproduzione Riservata

Commenti