MotoGP

Gp Argentina: vince Rossi, cade Marquez

Contatto tra i due piloti nei giri finali. Ha la peggio lo spagnolo, che conduceva la gara fino a poco prima

Valentino Rossi

Dario Pelizzari

-

Valentino Rossi vince il Gran premio dell'Argentina sul circuito di Termas de Rio Hondo. Alle sue spalle, Andrea Dovizioso sulla Ducati. Terzo Cal Crutchlow sulla Honda del team di Lucio Cecchinello. Marc Marquez è caduto a due giri dalla fine dopo un contatto con Valentino Rossi (clicca qui per vedere le immagini). Per i commissari di gara, non c'è stata alcuna responsabilità da parte del Dottore. 

Fortissimamente, Valentino. Sulla pista di Termas de Rio Hondo, culla del Gran premio dell'Argentina, Rossi vince la sua seconda gara stagionale. Partiva ottavo e le possibilità che riuscisse a passare chi gli stava davanti prima di vedere il decollo di Marc Marquez, sempre velocissimo sia nelle libere, sia in qualifica, erano davvero ridotte al lumicino. Poi, la corsa. Che il Dottore aggredisce con la solita fame di sempre (al netto di una carenata di Iannone pochi metri dopo il via), pure se con una saggezza che nasce nel box della Yamaha, quando viene scelta la gomma più dura al contrario di quanto fanno i piloti che lo precedono, Marquez compreso.

Via alla gara e Marquez corre. Corre e fa il vuoto. Aleix Espargaro, ottimo sulla Suzuki nei giorni precedenti, fa fatica a tenere il passo dei migliori e molla la presa, scalando posizioni su posizioni. Fa benissimo invece Cal Crutchlow, che spinge la Honda del team di Lucio Cecchinello e riesce a rimanere nel gruppo di testa. Girano a mille, ma questa non è più una notizia, anche le due Ducati dei due Andrea, Dovizioso e Iannone. Jorge Lorenzo arranca e aspetta. Salvo poi alzare bandiera bianca quando si rende conto di averne decisamente meno di chi lo precede. Marquez vola, sì, ma a metà gara i suoi tempi cominciano a crollare. Colpa delle gomme, che fanno fatica a reggere il passo del campione del mondo in carica.

 

Rossi e Dovizioso capiscono che si può fare e si prendono a braccetto per inseguire l'extraterreste. Marquez, che partiva da un vantaggio di 4 secondi a 15 giri dalla conclusione, perde decimi come se piovesse. Il finale è già stato svelato. Dovizioso non riesce a tenere il passo del Dottore e gli lascia strada. Ed è da qui che comincia il valzer tra Marquez e Rossi per il primo posto. Tra i due, è battaglia vera, senza esclusione di colpi, come ampiamente prevedibile. Valentino è più veloce, ma Marquez resiste. Finché non incrocia la traiettoria di Rossi e finisce a pancia all'aria. Le immagini non lasciano dubbi: colpa sua, che insiste quando ormai era chiaro l'esito della sfida. Terzo posto strepitoso di Crutchlow, che mette la ruota davanti a Iannone con un sorpasso strepitoso a uno sbuffo dal traguardo. 

La classifica finale del Gran premio dell'Argentina
(prime dieci posizioni)

1° Rossi (Yamaha)
2° Dovizioso (Ducati) +5.6
3° Crutchlow (Honda) +8.2
4° Iannone (Ducati) +8.3
5° Lorenzo (Yamaha) +10.1
6° Smith (Yamaha) +19.8
7° Aleix Espargaro (Suzuki) +24.3
8° Pol Espargaro (Yamaha) +27.6
9° Redding (Honda) +34.3
10° Vinales (Suzuki) +34.8

La classifica del campionato dopo 3 gare

1° Rossi, 66 punti; 2° Dovizioso, 60; 3° Iannone, 40; 4° Lorenzo, 37; 5° Marquez, 36; 6° Crutchlow, 34; 7° Smith, 28; 8° A. Espargaro, 22; 9° P. Espargaro, Vinales, Petrucci, 15.

La prossima gara

Domenica 3 maggio: Gran premio della Spagna sul circuito di Jerez de la Frontera.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gp Americhe: Marquez re di Austin, 2° Dovizioso, 3° Rossi

Il pilota della Honda fa tre su tre sulla pista texana. Avvincente la sfida tra le Ducati e il Dottore per la seconda posizione

Yamaha e Ducati in rampa di lancio, Honda da verificare

Rispetto alle prime due gare del 2014, Lorenzo è il pilota che ha raccolto più punti. Dietro, Rossi e Dovizioso. Marquez paga l'errore in Qatar

Gp Argentina, qualifiche: pole Marquez, Rossi ottavo

Il pilota Honda partirà davanti ad Aleix Espargarò e Iannone. Male il Dottore. Precedenti, quote scommesse, orari tv

Commenti