Giovanni Galli ds della Samp? No, grazie
Getty Images
Giovanni Galli ds della Samp? No, grazie
Sport

Giovanni Galli ds della Samp? No, grazie

Mentre i blucerchiati pareggiano a Reggio Emilia spunta un'improbabile candidatura

Segui Blucerchiando su Facebook e Twitter

La Sampdoria torna da Reggio Emilia con un punto e sale a quota cinque in classifica dopo tre match di serie A. Partita non facile con i blucerchiati nettamente in calo rispetto alla gara con il Torino. Meglio il primo tempo della ripresa dove gli uomini di Mihajlovic hanno anche rischiato di capitolare nel finale con le occasioni di Floccari e Sansone. Le notizie positive arrivano dalla difesa con le prove convincenti di Silvestre (sempre puntuale in anticipo) e Viviano (è emozionante tornare a vedere un'uscita alta al limite dell'area) mentre sottotono ancora una volta Obiang (superati del tutto i problemi fisici?) Gabbiadini non sembra aver ancora recuperato appieno dall'infortunio e gli ingressi di Bergessio e Sansone (non pervenuto) non hanno sortito l'effetto sperato. La Samp dovrà ora valutare le condizioni fisiche dei suoi in vista del doppio impegno nei prossimi sette giorni. Mercoledì arriva il Chievo a Marassi (probabile abbondante turn over con Bergessio, Marchionni, Fedato e Romagnoli in campo) mentre domenica prossima sarà il momento del derby della Lanterna.

SASSUOLO-SAMPDORIA 0-0

SASSUOLO (4-3-3) Consigli; Vrsaljko, Antei, Acerbi, Peluso; Brighi (dal 33’ s.t. Biondini), Magnanelli, Taider; N. Sansone, Zaza (dal 31’ s.t. Floccari), Floro Flores (dal 43’ s.t. Chibsah). (Pomini, Polito, Ariaudo, Terranova, Gazzola, Longhi, Missiroli, Gliozzi, Pavoletti). All. Di Francesco.

SAMPDORIA (4-3-3) Viviano; De Silvestri, Silvestre, Gastaldello, Regini; Soriano (dal 17’ s.t. Rizzo), Palombo, Obiang; Gabbiadini (dal 24’ s.t. G.Sansone), Okaka, Eder (dal 36’ s.t. Bergessio). (Romero, Fornasier, Romagnoli, Mesbah, Cacciatore, Duncan, Krsticic, Marchionni, Fedato).

All. Mihajlovic.

NOTE Ammoniti Magnanelli, Peluso, Antei, Gastaldello e Gabbiadini per gioco scorretto

ARBITRO Di Bello di Brindisi

GALLI DS? PERCHÉ MAI?

Tra le voci che riguardano la Samp c'è l'indiscrezione lanciata dal giornalista Alfredo Pedullà che ha riportato la candidatura di Giovanni Galli come ds della Samp. Secondo l'esperto di mercato di Sportitalia sarebbe stato proprio l'ex portiere di Milan e Fiorentina a proporsi al presidente Ferrero per il ruolo attualmente ricoperto da Carlo Osti (con contratto in scadenza il prossimo giugno). Pur mantenendo forti riserve sull'attendibilità della notizia è però importante sottolineare come la trattativa riguardi un dirigente che ha coperto il ruolo di ds solo a Foggia nel 1997/1998 e per tre mesi a Verona nel 2007 prima di essere sollevato dall'incarico (in questo caso di direttore generale). Perché mai la Sampdoria dovrebbe affidarsi a Galli? Una domanda simile a quella degli abitanti di Firenze quando nel 2009 l'ex portiere si è candidato sindaco della città per il Popolo delle Libertà. E di politica si è occupato anche in tempi recenti candidandosi alle elezioni Europee del 2014. Mettere un politico come ds non avrebbe senso, esattamente come avere un ds come politico.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti