Schumacher va a casa, però serve tempo

La manager del campione annuncia il trasferimento dalla clinica di Losanna alla villa di famiglia: "Ma ha davanti ancora un lungo e duro percorso" - Un recupero possibile?

Michael Schumacher al GP di Malesia: era il settembre 2012. – Credits: Getty Images.

Nei giorni della polemica Marchionne-Montezemolo all'interno della Ferrari, ecco arrivare una bella notizia per i tifosi del Cavallino: "La riabilitazione di Michael Schumacher continuerà a casa", ha annunciato Sabine Kehm, manager del campione tedesco. "Nel corso delle settimane e dei mesi passati ha fatto dei progressi considerata la gravità della lesione, ma ha davanti ancora un lungo e duro percorso".

La manager ha inoltre voluto aggiungere una precisazione per tutti i fans dell'ex ferrarista: "Queste sono informazioni generali e tirare conclusioni che lo stato di salute è fortemente cambiato sarebbe falso. Inoltre, non sarà necessario realizzare alcuna costruzione sul terreno di casa Schumacher". Dopo di che Sabine Kehm ha voluto ringraziare l'équipe dell'ospedale di Losanna che ha avuto in cura Schumacher dopo il trasferimento dal nosocomio di Grenoble, "per il lavoro intenso e competente".

L'ex pilota tedesco della Ferrari era rimasto vittima di una gravissimo incidente sciistico a Meribel, in Francia, il 29 dicembre scorso, con gravi traumi alla testa che l'avevano mandato in coma.

© Riproduzione Riservata

Commenti