Calcio

Llorente e Isla al Siviglia: la Juventus incassa 10 milioni per l'ultimo colpo

Manca solo l'annuncio per la doppia cessione al club spagnolo: una plusvalenza importante per investire su un mediano (e Zaza resta)

Dopo la sconfitta nella prima giornata di campionato contro l'Udinese il mercato della Juventus è più vivo che mai. A pochi giorni dal termine delle trattative (clicca qui per seguire le ultime news) un nuovo accordo riapre vecchi scenari e blocca affari ormai dati per conclusi. Si attende solo l'ufficialità per Fernando Llorente al Sivliga per una cifra vicina ai 10 milioni di euro, una plusvalenza importante per la società di Andrea Agnelli (23 gol in 66 partite) che due anni fa aveva rilevato lo spagnolo a parametro zero dall'Athletic Bilbao. 

Secondo gli spagnoli di Marca la trattativa avrebbe trovato l'ok delle parti nella serata di martedì dopo una mediazione tra l'iniziale richiesta della Juventus di 12 milioni di euro e la prima offerta del Siviglia di 7. Nell'operazione rientrerà con tutta probabilità anche Mauricio Isla, esterno cileno che nei dieci minuti giocati contro l'Udinese non ha fatto che aumentare le perplessità del pubblico e dei tecnici bianconeri.

L'operazione in uscita blocca così un'altra partenza, quella di Simone Zaza, dato ad un passo dal West Ham. La liquidità derivata dalla cessione di Llorente servirà invece per lavorare su quello che si può ribattezzare "il fronte tedesco", il filo diretto con diverse società che la Juve tiene da tempo. Prima di tutto per l'ultimo assalto a Julian Draxler, centrocampista classe 1993 dello Shalke 04 che Allegri ha segnalato da tempo a Marotta. La richiesta dei tedeschi è sopra i 25 milioni e non è escluso che sempre dalla Germania non arrivi un affondo decisivo dal Bayern per Coman. Un tesoretto che si aggiungerebbe alle entrate di Llorente e che in caso di stop per Draxler virerebbe le attenzioni su Ilkai Gundogan, centrocampista del Borussia Dortmund classe 1990.

© Riproduzione Riservata

Commenti