Calcio

Champions League, quarti di finale: 10 cose da sapere su Juventus-Barcellona

Chi segna di più? E chi difende meglio? I km percorsi? Dal campo ai bilanci ecco il confronto tra torinesi e catalani che vale la semifinale

Dal Barcellona a Istanbul, quelle rimonte impossibili / SPECIALE

Giovanni Capuano

-

Juventus contro Barcellona. La rivincita della finale di Berlino (6 giugno 2015) che spezzò il sogno dei bianconeri, segnò l'ultima volta di Pirlo, Tevez e Vidal con la maglia dei campioni d'Italia e regalò a Luis Enrique la consacrazione a livello internazionale. E' una finale anticipata al livello dei quarti, esattamente come l'incrocio tra Bayern Monaco e Real Madrid: destino cinico di una competizione che si vince, però, anche confrontandosi con i migliori.

FLOP ITALIA, RESTA SOLO LA JUVENTUS. E IL RANKING UEFA PIANGE

La strada per Cardiff passa, dunque, dal Camp Nou e la squadra di Allegri non deve tremare perché mai come questa volta sembra attrezzata per essere competitiva nel grande equilibrio di una Champions League senza padrone. Dipenderà molto anche dalla condizione in cui i due gruppi arriveranno al momento della verità: andata 11 aprile e ritorno il 19 a Barcellona.

 

Dieci cose da sapere sul confronto tra Juve e Barcellona

Ecco una breve guida di dieci cose da sapere per prepararsi al meglio al doppio confronto tra Juventus e Barcellona. Tra campo e società, perché si incrociano due delle super potenze europee, quelle in grado di spostare centinaia di milioni di euro, sia sul mercato che nei fatturati:

1 - Il Barcellona è la squadra che ha segnato più gol nelle prime 8 partite di Champions League della stagione: 29. Ne ha subite 9 (5 dal solo Psg nell'ottavo di finale) ed la squadra con la differenza reti migliore: +17. La Juventus è quella con la difesa meno battuta (2) e con il maggior numero di partite chiuse senza subire (6). La sua differenza reti è +14;

2 - Sembrerà strano, ma il Barcellona è solo la sesta tra le sopravvisute nella Champions per tiri verso la porta avversaria: 79 (di cui 47 nello specchio e 3 pali). Solo Monaco e Leicester hanno fatto peggio in questa classifica, mentre la Juventus è quarta con 94 conclusioni (38 in porta e 3 pali);

3 - La corsa contro il possesso palla, anche se non più assoluto come nell'era del tiki taka guardiolesco. La Juventus è la terza per chilometri percorsi in campo (877,538) alle spalle di Atletico Madrid e Borussia Dortmund mentre il Barcellona è ultimo in questa classifica con 852,899 km;

4 - In compenso i catalani sono dietro al solo Bayern Monaco nel possesso palla: 62% contro il 59% della Juventus (quarta);

5 - Il Barcellona è la seconda squadra più fallosa di questa Champions League: 95 falli commessi. E anche quella più sanzionata: 22 ammonizioni (1°) e un cartellino rosso. La più fallosa? Proprio la Juventus con 103 infrazioni (15 ammonizioni). Nella classifica dei falli subiti la Juventus è prima (111) e il Barcellona quarto (97);

6 - Rispetto alla finale di Berlino (6 giugno 2015) molte cose sono cambiate nelle due squadre anche se sono passate meno di due stagioni. Solo 6 giocatori presenti tra campo e panchina quella sera con Allegri sono ancora nella rosa della Juventus: Buffon, Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Marchisio e Sturaro. Bisogna aggiungere Chiellini fuori per infortunio. Nel Barcellona sono ben 11: Ter Stegen, Piqué, Mascherano, Jordi Alba, Rakitic, Busquets, Iniesta, Messi, Suarez, Neymar e Rafinha. Uguali gli allenatori: Allegri e Luis Enrique;

7 - Nella passata stagione il Barcellona è stata la seconda società per fatturato in Europa alle spalle del Manchester United con 620,2 milioni di euro. Nella classifica Deloitte Football Money League la Juventus è decima con 341,1 milioni di euro. Una differenza di 279,1 milioni di euro a favore dei catalani;

8 - Il divario tra Barcellona e Juventus è evidente soprattutto alla voce ricavi commerciali da partnership e sponsorizzazioni: 296,1 contro 101.7 milioni di euro. Per i catalani rappresentano il 48% del fatturato totale mentre per la Juventus si fermano al 30%;

9 - Lo stadio di proprietà rende irraggiungibile la Juventus nel confronto con le altre società italiane, ma in Europa rimane un gap notevole. Il Camp Nou frutta al Barcellona 121,4 milioni di euro contro i 43,7 dello Juventus Stadium;

10 - Anche nel confronto sulle piattaforme dei social network stravince il Barcellona che mette insieme 159 milioni di followers tra Facebook (95,5 record), Twitter (19,5) e Instagram (44,1). La Juventus si ferma a 34,6 milioni (25,2 da Facebook, 3,8 da Twitter e 5,6 da Instagram).


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La difesa della Juventus: "Non potevamo sapere della 'ndrangheta in curva"

I rapporti con un "incensurato", biglietti venduti e non regalati e Agnelli che verrà sentito. L'audizione dell'avvocato del club all'Antimafia

Crollo Italia, in Europa resta solo la Juventus (e il ranking piange)

L'eliminazione della Roma abbandona i bianconeri a difendere la serie A. Quarto posto non a rischio, ma con le nuove regole...

Champions League, quarti di finale: Juventus-Barcellona

Sorteggio sfortunato per la squadra di Allegri. Anche la sfida Bayern Monaco-Real Madrid. Ad aprile la doppia sfida

Commenti