Calcio

Juventus, tempo di rinnovi: firmano Allegri e Marchisio

Il tecnico livornese, in scandenza nel 2016, ha prolungato di un anno, mentre il centrocampista giocherà in bianconero fino al 2019

marchisio allegri

Dario Pelizzari

-

Massimiliano Allegri e la Juventus hanno detto sì. Come annunciato da settimane, la società bianconera ha prolungato di un anno il contratto del tecnico toscano, in scadenza alla fine della prossima stagione. Rinnovato l'accordo e ritoccato verso l'alto l'ingaggio, che era di 2,5 milioni di euro netti all'anno e sarà di 3,5. Pare che Allegri chiedesse 3,7 più bonus, ma la stretta di mano è stata poco più che una formalità: di fronte a numeri così importanti 200 mila euro non sono poi una rinuncia da mani nei capelli. Lo stipendio dell'allenatore della Juventus sarà secondo in Serie A soltanto a quello del collega dell'Inter, Roberto Mancini, che passerà dai 2,7 milioni del campionato precedente ai 4 netti per i prossimi 24 mesi. Nababbi da panchina, pure se lontanissimi dalla montagna di denari garantita a superstar della lavagna come José Mourinho (18 lordi al Chelsea) e Carlo Ancelotti (15,5 per l'ultima missione al volante del Real Madrid). 

 

Fuori uno, dentro l'altro, è tempo di rinnovi in casa Juve. Claudio Marchisio ha dato appuntamento stamane alla stampa nei locali dello Stadium di Torino per dare conto dell'accordo che lo legherà al club piemontese fino al 2019, quando raggiungerà quota 33 primavere. I numeri dell'iniziativa: 4 anni a 3,5 milioni di euro netti più bonus. Al suo fianco, per sottolineare l'importanza dell'evento, il presidente della società, Andrea Agnelli. La Juve guarda avanti e puntella le basi della squadra per rimanere ai piani alti del calcio internazionale. E mentre Andrea Pirlo saluta da New York, il prossimo rinnovo sulla lista di Marotta e Paratici potrebbe riguardare Leonardo Bonucci.  

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Inter-Juventus 1-2, i bianconeri vincono in rimonta con Marchisio e Morata

Decide ancora una rete dello spagnolo. Nerazzurri in vantaggio con Icardi e padroni del gioco nel primo tempo. La Juve pareggia su rigore e ribalta il risultato nella ripresa

Il brindisi di Allegri dopo la Coppa Italia

Le pagelle del campionato: da Allegri a Manenti il meglio e il peggio

L'allenatore della Juventus merita 10, chi ha distrutto il calcio a Parma 1. Ecco promossi e bocciati della serie A 2014-2015

Commenti