Calcio

Giochiamo Juventus - Inter, la partita per gli scommettitori

Valutando nel dettaglio le caratteristiche dei singoli la spunta la Juventus. Il risultato più giocato è 1-0 per i bianconeri ma l'Inter è in condizione migliore

Quagliarella in mezzo ai difensori dell'Inter nell'ultimo derby d'Italia (LaPresse)

La Juventus cerca la 50^ gara senza sconfitte in campionato ma lo scoglio da superare è l’Inter di Stramaccioni, reduce da 8 vittorie consecutive. Le quote della sfida tra il primo ed il secondo attacco del campionato danno la vittoria della Juventus a 1,70, il pareggio a 3,75 e la vittoria nerazzurra a 4,80. Da tenere d’occhio le puntate sui risultati parziali/finali: l’1-1 è dato a 2,75, l’1-X a 16, l’1-2 a 40, l’X-1 a ,85, l’X-X a 5,50, l’X-2 a 9, il 2-1 a 30, il 2-X a 16 e il 2-2 a 8,50. L’under 1.5 è dato a 3.30 mentre l’over è a 1.25. Le quote per il 3.5 sono invece 1.28 per l’under e 3.10 per l’over. Si può giocare anche sulla somma finale dei gol: 13 per lo 0, 4.10 per l’1, 3 per il 2, 3.50 per il 3, 4.60 per il 4 e 5.10 per 4 o più gol.

Le giocate più interessanti per indovinare il risultato esatto sono l’1-0 per la Juventus dato a 7, lo 0-1 dell’Inter dato a 10, il 2-0 a 7.50, il 3-0 a 14 e il 2-2 a 13. La possibilità che la Juventus non segni in casa è data a 4,70, la stessa che per l’Inter vale 2.40. Juventus e Inter si affrontano allo Juventus Stadium dove i precedenti storici sono nettamente a favore dei bianconeri: 54 vittorie, 14 pareggi e 10 sconfitte. Il risultato tipico è 1-0, verificatosi ben 18 volte, e che sabato vale 7 volte la posta. Vista la predisposizione di entrambe le squadre ad andare in gol non è difficile ipotizzare che segnino tutte e due, una possibilità data a 1.66. Inoltre l’agenzia Paddy Power rimborserà tutte le scommesse singole perdenti relative al primo Marcatore e risultato esatto se l'Inter vince.

La sfida dei singoli:

Buffon - Handanovic: Lo sloveno non ha convinto a pieno fin dal giorno del suo arrivo all'Inter. Delle tante note positive nella squadra di Stramaccioni resta infatti qualche dubbio sulla scelta dell'estremo difensore dopo l'addio a Julio Cesar. Periodo di ambientamento o di forma pessima? Resta il dato di fatto che la sfida Buffon - Handanovic premia nettamente il portiere della nazionale azzurra. (JUV)

Chiellini – Ranocchia: Il Giorgio nazionale è una certezza ma in questa stagione Andrea Ranocchia sta ritrovando la continuità e il rendimento che lo hanno promosso come uno dei difensori più interessanti della serie A. Sempre in campo in questa stagione è anche andato in gol a Bologna, il voto va all’Inter. (INT)

Barzagli – Silvestre: Se la Juventus è la migliore difesa del campionato è anche merito dell’ex difensore del Wolfsburg. Il rendimento di Barzagli resta sempre molto alto mentre in nerazzurro potrebbe scendere in campo l’oggetto misterioso Silvestre. Arrivato in estate dal Palermo non ha avuto finora lo spazio sufficiente per mettersi in mostra. Il punto alla Juve. (JUV)

Bonucci – Samuel: L’argentino è tornato ad avere un alto rendimento prendendo in mano le chiavi della difesa nerazzurra. Con Stramaccioni la sua media voto è tornata quella dei tempi della Roma mentre Bonucci ha sofferto qualche sbavatura in più. Voto a Walter “The Wall”. (INT)

Lichtsteiner - Nagatomo: Il giapponese ha corsa e qualità ma il ruolo dello svizzero nello scacchiere di Conte è nettamente più importante. Stephan Lichsteiner è stato pagato 10 milioni di euro e in estate la famiglia Agnelli ha resistito all'assalto del Chelsea, pronto ad offrirne fino a 15. (JUV)

Asamoah - Zanetti: Il ghanese è stato reinventato esterno dopo il suo arrivo dall'Udinese. In questo avvio di stagione si è confermato come una delle rivelazioni della Juventus. Abile in fase offensiva e capace anche di coprire è sicuramente l'acquisto più azzeccato dell'estate bianconera. Per Javier Zanetti servono poche parole: dopo tanti anni resta fresco come una rosa, capace di cavalcare la fascia da cima a fondo offrendo spinta e copertura. La sfida tra i due non permette di eleggere un vincitore. (INT/JUV)

Vidal - Cambiasso: La battaglia a centrocampo sembra premiare la qualità della Juventus. Nonostante la forza e l'esperienza del Cuchu Cambiasso il cileno bianconero resta uno dei mediani più forti della serie A. Dopo la prima stagione d'ambientamento è diventato indispensabile per Conte, capace in fase di interdizione ma anche in quella offensiva. Tra i due vince l'Arturo bianconero. (JUV)

Pirlo - Guarin: Il colombiano è andato in gol contro la Sampdoria e la sua esperienza all'Inter sta lentamente decollando. Dalle parti della Pinetina sono convinti che il tempo lo renderà un giocatore indispensabile nello scacchiere nerazzurro. Dall'altra parte c'è però Pirlo, storia del calcio italiano e giocatore in grado di cambiare squadre e partite. Unico. (JUV)

Marchisio - Gargano: Il principino è una colonna per la linea mediana di conte. Veloce nei passaggi, capace nel dribbling, fondamentale per recuperare palloni e dare il via alle ripartenze. Un giocatore più completo rispetto all'ex azzurro, arrivato in prestito per cercare più spazio dopo essere stato messo ai margini da Mazzarri al Napoli. Voto alla Juve. (JUV)

Vucinic - Milito: Quest'anno l'attacco della Juventus non ha certezze ma grande versatilità. Competizione continua tra le punte senza che nessuno possa sentirsi indispensabile. Il montenegrino ha segnato gol pesanti ma il suo avvio non è stato dei migliori con 9 presenze e 2 gol. Un discorso agli antipodi con la situazione di Diego Milito, unica punta di peso dell'attacco nerazzurro e più volte giudicato fondamentale da Stramaccioni. Per l'argentino 10 presenze e 5 reti in questo campionato, il voto va a lui. Secondo le quote delle scommesse il Principe è quotato a 7 come primo marcatore del match. (INT)

Giovinco - Cassano: La formica atomica ha offerto prove in crescendo dopo un primo periodo difficile e scandito dai mormorii del pubblico juventino. Antonio Cassano è invece il fiore all'occhiello di questo avvio di campionato nerazzurro. Voluto fortemente da Stramaccioni si è inserito alla perfezione nello schema del tecnico trovando da subito grande feeling con Diego Milito. Tra i due il voto va sicuramente al Pibe de Bari. (INT)

Risultato finale: JUVENTUS 7 - INTER 5

© Riproduzione Riservata

Commenti