Calcio

Ancelotti via dal Real Madrid: cronaca di un esonero annunciato

Florentino Perez ha ufficializzato le indiscrezioni dei media, promettendo entro una settimana il nome del nuovo allenatore

ronaldo_ancelotti

Redazione

-

"Ringrazio Carlo Ancelotti per il suo lavoro e il suo amore. Ha guadagnato il mio affetto ed è una parte della nostra storia, perché abbiamo vinto la decima con lui, ma qui abbiamo bisogno di una spinta. Settimana prossima annunceremo il nuovo allenatore, spero che parli castigliano": così Florentino Perez, presidente del Real Madrid, ha ufficializzato in una conferenza stampa al Santiago Bernabeu l'esonero dell'allenatore italiano, dopo che la stampa spagnola l'aveva ampiamente annunciato nei giorni scorsi.

Una scelta condivisa
La decisione, che ha visto concorde il consiglio direttivo della società, è stata quindi definita propedeutica al rilancio dei "blancos", superati quest'anno dal Barcellona nella Liga ed eliminati in Champions dalla Juventus per un'assenza di successi che in casa Real è considerata una sorta di peccato capitale. "Abbiamo analizzato tutto", ha detto ancora Florentino Perez, "è stata una scelta non facile ma siamo convinti di avere bisogno di nuovi impulsi. Non ho mai parlato di errori tecnici e il mio rapporto con l'allenatore è sempre stato buono. Ma abbiamo una grande squadra e torneremo a dare soddisfazioni e gioia ai nostri tifosi. Nell'ultima settimana ho parlato con Ancelotti, un uomo che capisce e mantiene buoni rapporti con tutti. Una cosa è la questione personale e altro quella professionale".

Ma la squadra è con Carletto
I giocatori del Real si sono però tutti schierati dalla parte dell'allenatore, in particolare Cristiano Ronaldo. "I giocatori hanno espresso l'affetto che hanno", il commento sempre di Perez, "che è lo stesso mio e dei tifosi. Non solo non mi ha infastidito, ma mi sembra giusto ciò che i giocatori hanno detto". Da parte sua, Carlo Ancelotti ha invece utilizzato Twitter per salutare tutto l'ambiente: "Porterò con me i ricordi di due anni fantastici con il Real Madrid. Grazie a questa società, a questi tifosi e ai miei giocatori #HalaMadrid", è stato il messaggio inviato dal suo account dopo l'esonero. E pur essendo già nella serata di ieri a cena con Adriano Galliani, l'allenatore italiano continua a escludere un suo imminente ritorno al Milan, anche per un delicato intervento chirurgico al quale dovrà presto sottoporsi. 

Chi al suo posto?
Tra una settimana, secondo quanto promesso da Perez, si conoscerà il nome del successore di Ancelotti sulla panchina del Real Madrid, con la lista dei papabili che vede i nomi di Jurgen Klopp dopo l'addio al Borussia Dortmund, ma anche quello di Rafa Benitez, ormai all'epilogo della sua esperienza a Napoli, e di Unay Emery del Siviglia. Con gli ultimi due che parlano castigliano certo meglio di quanto non lo possa imparare Klopp con un corso intensivo di spagnolo...

© Riproduzione Riservata

Commenti