Basket, 22a Serie A: Kaukenas highlander di Reggio, Simon salva Milano
Savino Paolella
Basket, 22a Serie A: Kaukenas highlander di Reggio, Simon salva Milano
Sport

Basket, 22a Serie A: Kaukenas highlander di Reggio, Simon salva Milano

Il "plus/minus" della 22a giornata a partire dalla super-prestazione del lituano della Grissin Bon a poche settimane dai 39 anni

L'EA7 Milano festeggia col brivido il suo 80° compleanno al Forum, rischiando di rovinarsi da sola la festa con una distratta prestazione contro una Torino peraltro ben lontana dal ruolo di fanalino di coda. Continua così la corsa di testa per gli uomini di coach Repesa, che in attesa di recuperare sempre al Forum la partita contro Caserta (ore 20.30 di giovedì 10 marzo) vedono rimanere affiancata Reggio Emilia, vittoriosa al supplementare (98-96) nel posticipo contro Venezia.

Subito dietro incalza Cremona e prosegue la sua scalata in classifica Avellino, giunta con quella interna su Cantù alla sua nona vittoria consecutiva. Ecco il "plus/minus" della 22a giornata... 

Le squadre "plus" della 22a giornata

Giorgio Tesi Group Pistoia. Dopo quattro sconfitte consecutive (contro Trento, Avellino, Milano e Cantù) rompe l'incantesimo andando a vincere sul difficile parquet di Caserta e mantenendo così saldamente la 5a posizione in classifica. Determinante la prova di Knowles (22 punti), con in doppia cifra anche Kirk (17), Lombardi (12) e Moore (10).

Sidigas Avellino. Nona vittoria consecutiva per i lupi irpini, che ormai stazionano nella parte alta della classifica. Quella contro Cantù è una comunitaria vendetta dell'ex (19 punti e 5 assist per Ragland, 12 a testa per Buva e Leunen), che vede in doppia cifra anche Nunnally (15) e Acker (12, inclusi i due liberi che chiudono definitivamente i giochi per l'81-77 finale).

Enel Brindisi. Dopo la scoppola (-22) subita a Venezia reagisce subito nel match interno con Pesaro e aggancia Sassari e Trento nella corsa playoff. A dispetto degli alti e bassi, la squadra di coach Bucchi rimane così tra le protagoniste del nostro Campionato e punta a esserlo anche nella post-season. Migliori in campo per l'Enel il top-scorer di giornata Adrian Banks (33 punti, 4 assist) e Scott Durand (21).

Le squadre "minus" della 22a giornata

Banco di Sardegna Sassari. La seconda sconfitta interna consecutiva (quinta in stagione al PalaSerradimigni) porta alle dimissioni di coach Marco Calvani, sostituito dal gm - e già allenatore - Federico Pasquini. Il famoso "nuovo ciclo" di cui parlava il presidente Sardara all'indomani dell'esonero di Meo Sacchetti è al momento un labirinto in cui la Dinamo si aggira sempre più smarrita...

EA7 Milano. Vince a fatica il testa-coda del Campionato e rischia di rovinarsi la festa degli 80 anni con uno scivolone davvero inimmaginabile alla vigilia. Se va premiata per il famoso "spirito Olimpia" mostrato nella rimonta al Forum, deve però subito cambiare registro se vuole mantenere il primato in classifica e continuare a puntare in alto in Eurocup. Il successo finale, propiziato da Simon (vedi alla voce "giocatori plus") e dal blocco degli americani (Lafayette 18, Sanders 16, McLean 14), non cancella insomma l'insufficienza della prestazione nella 22a giornata. 

I giocatori "plus" della 22a giornata

Brandon Davies e Kristjan Kangur (Varese). Con 27 punti (13/16 da due) e 16 rimbalzi, il centro di Philadelphia è fondamentale nell'importante successo sulla Dolomiti Energia Trentino. Per lui anche 38 di valutazione, migliore in assoluto del turno, mentre al limite della perfezione sono le percentuali del suo compagno estone: per Kangur 5/5 da due, 2/2 da tre e 2/3 dalla lunetta per 18 totali.

Kruno Simon (Milano). Sua la tripla del 92-88 che nel supplementare rompe definitivamente l'equilibrio a favore dell'EA7 su Torino (che decide di non fare fallo e lasciarlo tirare...), suoi i tiri liberi che chiudono poi il discorso per il 94-90 finale. Il tutto nell'ennesima partita da leader silenzioso con 19 punti (top-scorer dell'Olimpia in festa per i suoi 80 anni) e 7 assist.

Andre Collins (Virtus Bologna). Con 19 punti e 7 assist il play americano con passaporto bulgaro prende per mano la sua squadra e la porta a una vittoria in terra sarda che può davvero risultare decisiva in chiave salvezza. A seguirlo in doppia cifra, oltre che Pittman (16), anche gli italiani Michele Vitali e Fontecchio (11 a testa).

Markel Starks (Cremona). Alla sua prima partita con la Vanoli trova il canestro che regala la vittoria ai lombardi su Capo d'Orlando (74-73), mantenendoli nelle zone altissime della classifica. Meglio non poteva fare per entrare subito nel cuore dei suoi nuovi tifosi a dispetto di un tabellino non eccezionale (8 punti e 3 assist, con 3/8 totale al tiro).

Rimantas Kaukenas e Pietro Aradori (Reggio Emilia). Alla soglia dei 39 anni (li compirà il prossimo 11 aprile) il lituano - oltre a infilare la tripla tagliagambe (93-90) di fine supplementare - sfodera contro Venezia l'ennesima prestazione da highlander dei canestri con 24 punti frutto di un eccellente 7/9 da due, 2/3 da oltre l'arco e 4/5 ai tiri liberi. Al suo fianco, decisivo per Reggio Emilia anche Aradori, che mette a referto 25 punti (5/6 da tre) e 5 assist, oltre a realizzare i due tiri liberi del 98-93 che chiudono definitivamente i giochi prima dell'inutile tripla sulla sirena di Goss.

I giocatori "minus" della 22a giornata

Brad Heslip (Cantù). Nessun punto in 16 minuti sul parquet con 0/4 al tiro da oltre l'arco in un match che vede i brianzoli chiudere con un altrettanto desolante 3/18 nelle triple (16,7% di realizzazione). Attenzione, però: la sua prestazione avulsa è anche il segnale di tutti gli attuali squilibri canturini, con un gioco sempre più spostato sotto canestro che da un lato toglie palloni ai tiratori e dall'altro non riesce però a essere di per sé decisivo. Come dimostra la sconfitta (o la mancata vittoria?) ad Avellino.

Stefano Mancinelli (Torino). Con 15 punti ha un tabellino dignitosissimo, ma con l'Olimpia distratta dai festeggiamenti per gli 80 anni e ancora costretta a inseguire (74-76) a due minuti scarsi dalla sirena, il "Mancio" si mangia per eccessiva sufficienza il canestro in appoggio che potrebbe tagliare definitivamente le gambe ai milanesi. E manco a dirlo proprio da quell'errore i padroni di casa riprendono la rincorsa per prima acciuffare il supplementare e poi beffare una Torino che, per quanto mostrato al Forum, stupisce davvero vedere in fondo alla classifica.

I risultati della 22a giornata e la classifica

22a giornata: Sidigas Avellino-Acqua Vitasnella Cantù 81-77, EA7 Milano-Manital Torino 94-90 dts, Openjobmetis Varese-Dolomiti Energia Trentino 96-82, Banco Sardegna Sassari-Obiettivo Lavoro Bologna 85-91, Pasta Reggia Caserta-Giorgio Tesi Group Pistoia 88-94, Vanoli Cremona-Betaland Capo d'Orlando 74-73, Enel Brindisi-Consultinvest Pesaro 81-76, Grissin Bon Reggio Emilia-Umana Reyer Venezia 98-96 dts. 

Classifica: Milano e Reggio Emilia 32 punti; Cremona 30; Avellino 28; Pistoia 26; Brindisi, Sassari, Trento, Venezia 22; Caserta, Cantù, Varese 18; Bologna, Capo d'Orlando 16; Pesaro 14; Torino 12. Milano, Caserta, Pesaro e Trento una partita in meno.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti