Antonella Piperno

-

Congedato a sopresa il fidanzato-collega Giacomo Miccini, a lungo esposto su Instagram insieme all’anello che annunciava un sicuro matrimonio, c’è un altro uomo con cui Camila Giorgi, la tennista più discussa d’Italia, ogni giorno scambia emoticon telefonici.

L’amore però non c’entra. E neanche l’ingombrante padre-agente-allenatore-portavoce Sergio, l’ex soldato argentino che, prima di trasferirsi a Macerata, dove 25 anni fa è nata Camila, ha combattuto nella guerra della Falkland.

L’uomo con cui la tennista  si confida via WhatsApp, e con cui si è sfogata anche dopo la delusione per la sconfitta al primo turno dell'Australian Open, il primo Slam dell'anno, è Lele Mora, il press-agent di soubrette e tronisti cui, scioccando il circo tennistico, si è affidata a fine estate.

La bionda che puntava a diventare numero uno del mondo e allieta i fan con il rovescio bimane e i sexy completini disegnati da sua madre Claudia ha un chiaro obiettivo: risollevare le sue sorti dopo il divorzio dalla Federtennis e l’annus horribilis che l’ha vista precipitare al numero 74 della classifica mondiale.

Sarà un anno decisivo per capire se innescare il turbo in campo, e trasformarsi  da eterna promessa in vera campionessa. O dedicarsi ad altro magari alla tv, con la spinta di Mora.  

I colpi ci sono le gambe pure, la testa un po’ meno: Giorgi, che in campo non fa trapelare emozioni e in conferenza stampa concede poche parole, non conosce mezze misure, con le sue fucilate in campo può vincere e perdere con chiunque. "Camila ha grandi doti e grinta. In questo momento di difficoltà ha bisogno di molte attenzioni" spiega a Panorama Mora chiarendo che il suo, è, ufficialmente, un ruolo da suggeritore esterno. Affidato alla comunità Exodus per i suoi vari trascorsi giudiziari, Mora senior è ufficialmente "stagista" della Mediastar corporate, la società di marketing del figlio Mirko che, contratti a parte, sta tentando di ricucire il rapporto con la Federtennis: "Sono certo che ci sarà una riconciliazione" sostiene, nonostante la blindatura del presidente federale Angelo Binaghi: "Per noi Giorgi è un capitolo chiuso. C’erano degli accordi ben precisi che sono stati violati in maniera unilaterale dalla giocatrice".

La nuova capitana azzurra Tathiana Garbin ha ancora qualche speranza  però di averla in campo a  febbraio per rafforzare la squadra contro la Slovacchia.

Serve un riassunto: un anno fa, ad aprile Camila aveva rifiutato di schierarsi con le azzurre nel match contro la Spagna, nonostante il contratto con la Federazione che, in cambio degli allenamenti nel centro federale di Tirrenia e di un prestito d’onore di 160 mila euro, la impegnava a  onorare tutte le convocazioni.  

Da lì la rottura, con tanto di boatos su un’imminente fuga (di braccio) all’estero, nella nazionale argentina o kazaka, smentito però da Camila, fieramente italiana. Una cosa però è certa: con quel rovescio bimane Giorgi avrebbe dovuto spaccare il mondo e invece vince poco. Se i risultati non arrivano la colpa è dell’onnipresente padre e delle tensioni innescate dalle sue decisioni?

Mora fa sapere di averlo convinto ad occuparsi solo e soltanto degli allenamenti. Al resto penserà lui, anzi suo figlio, che, innanzitutto trasformerà i completini artigianali di mamma Claudia in una linea di abbigliamento tennistico (prodotta da un grande marchio internazionale ancora top secret) che finirà indosso anche ad altre atlete.

Ma, vista la specializzazione di Mora senior, per Camila non ci sarà dietro l’angolo la tv? «Escludo i reality, non è roba per Camila, ma non la pubblicità. Può senz’altro crescere come personaggio, soprattutto legandosi a qualcuno che abbia visibilità un po’ come Federica Pellegrini con Filippo Magnini». Non sarà che il siluramento del povero ex tennista Miccini l'abbia suggerito proprio Mora?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Camila Giorgi, che “bella” sorpresa

E' la sorpresa azzurra di questo Wimbledon e non solo per il suo tennis

Camila e Sergio Giorgi: la scommessa del tennis formato famiglia

Reduce dalla sconfitta azzurra a Genova in Fed Cup contro la Francia, l'italiana punta comunque a futuri successi nello Slam. Parola di papà

Commenti