Altri sport

Uci: 'Via i 7 Tour di Armstrong'

Riconosciute le tesi dell'Usada: "non c'è spazio per lui nel ciclismo"

Lance Armstrong, una carriera piena di successi e di punti interrogativi (Credits: AP Photo/Peter Dejong, File)

L'Uci ha deciso, e ha scelto la linea dura. Lance Armstrong non è più il vincitore dei 7 Tour de France dal 1999 al 2005. Ma non solo Via tutti i titoli conquistati dal ciclista texano dal '98 al 2005. Insomma, una carriera cancellata in pochi minuti.

La federazione internazionale di ciclismo quindi ha sposato in pieno le conclusioni dell'Usada, l'agenzia antidoping, secondo cui quello messo in piedi da Lance Armstrong sarebbe stato il sistema di dopoing più avanzato ed organizzato di sempre. Inevitabile, come si vociferava da giorni, quindi la cancellazione di tutti i titoli, i successi, soprattutto quel record di 7 Tour consecutivi che sembravano un'impresa inavvicinabile ed inarrivabile per il ciclismo moderno.

Una decisione che chiude un periodo infernale per Armstrong che, oltre ai titoli, nei giorni scorsi è stato abbandonato da tutti gli sponsor principali, con un danno economico di decine di milioni di dollari.

Gli organizzatori del Tour de France hanno già fatto sapere che la vittoria della Grand Boucle non verrà assegnata di ufficio al secondo classificato.

Di sicuro, come in ogni altro caso di doping, a perdere non è solo un atleta (o ex atleta) ma l'intero movimento. Macchie, paure che hanno portato pochi giorni fa la Radobank ad annunciare l'addio alle corse, con le quali da anni portavano avanti una collaborazione che andava ben oltre la semplice sponsorizzazione.

Serve quindi non solo pulizia, ma sicurezza che chi arriva sui Campi Elisi in maglia gialla sia pulito fuori e dentro.

© Riproduzione Riservata

Commenti