Rita Fenini

-

Festività a metà fra il sacro e il profano, il 24 giugno si ricorda San Giovanni Battista.

E la notte tra il 23 e il 24 giugno è ritenuta una notte magica, addirittura la "notte delle streghe". Notte fatata, di rugiada e d' amore, che arriva poco dopo il solstizio d’estate e prolunga i riti legati alla rinascita, all’arrivo della bella stagione, al raccolto, alla terra e alla fertilità. Nella "notte in cui tutto accade", per scacciare negatività e spiriti maligni, nel mondo ( e anche in molte città italiane: Torino e Firenze in primis) si celebrano feste e si accendono falò.

E poco importa se, con il passare del tempo, la cristianità ha inglobato tutti i riti pagani: la festa di San Giovanni resta una festa particolare e ricca di fascino, che richiama antiche tradizioni e vecchie credenze popolari





© Riproduzione Riservata

Commenti