People

Cristina D’Avena su Twitter: le domande dei fan diventano trend topic

In una settimana, la cantante-icona ha già collezionato quasi 6 mila follower

cristina d'avena twitter fans

Francesco Canino

-
 

C’è chi vuole sapere se Lady Oscar fosse bionda naturale o perché Mirko di Kiss me Licia avesse il ciuffo rosso. E ancora chi s’interroga sulla lunghezza del campo da calcio di Holly e Benji e se Alvin Superstar alla fine ha sfondato o meno. C’è da divertirsi leggendo le domande che da ieri hanno letteralmente travolto su Twitter Cristina D’Avena: la cantante-icona, dopo essere sbarcata sul popolare social network, si è infatti concessa ai bizzarri quesiti dei fan e l’hastag #askcristinadavena in poche ore è diventato virale.

Lo “sbarco” su Twitter

Cristina D’Avena è sbarcata su Twitter appena una settimana fa – con il tweet “Pari-pa-pum, eccomi qui!”, citazione di una delle sue sigle più celebri, ovvero quella de L’incantevole Creamy - ed è già seguita da quasi seimila follower. Del resto la cantante ha uno zoccolo duro (e trasversale) di fans e in un anno riesce a macinare oltre 100 date, tutte sold out, nelle quali ripropone tutti i suoi cavalli di battaglia ovvero le sigle cult, da Kiss me Licia a Mila e Shiro, passando per MemoleGeorgie, Pollon e Sailor Moon.

#askcristinadavena in trend topic

Così, travolta dall’affetto dei suoi sostenitori, ieri Cristina D’Avena ha risposto ad alcune delle centinaia di domande che le sono piovute addosso a colpi di #askcristinadavena e l’hashtag, come da previsioni, è schizzato in trend topic. Gli utenti hanno colto la palla al balzo e si sono sbizzarriti con curiosità e interrogativi sulle sigle più celebri oltre a battute ad alto tasso di ironia. Definitiva quella di un utente, che ha chiesto con sarcasmo alla cantante: "Ma quando tu guardavi i cartoni animati da piccola, le sigle chi le cantava?". 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cristina D'Avena: i 50 anni della cantante amata dai bambini

I più piccini ne imparano le canzoni da almeno tre generazioni, mentre per i grandi è icona intramontabile (anche gay) del tempo che non torna più

Mad e la riscossa dei cartoni animati made in Italy

Dopo vent'anni di assenza torna su Rai1 un prodotto di animazione  italiano il giorno di Natale. Lo realizza una società napoletana  "inventata" due anni fa da un 58enne appassionato di cinema

Cartoon Village: il festival per chi ama cartoni animati e fumetti

Torna in Maremma la manifestazione dedicata al mondo dell'immaginazione

Commenti