Melegatti
Melegatti
Società

Melegatti e la gaffe della colazione eterosessuale

Una pubblicità mal riuscita, le scuse su Facebook e la polemica social che non si placa

"Ama il tuo prossimo come te stesso.... Basta che sia figo e dell'altro sesso!" Era una frase abbastanza opinabile che compariva sulle agende delle ragazzine della fine degli anni '80 tra una citazione di Jim Morrison e una foto dei New Kids On The Block. Del tipo: "La vita è fatta a scale c'è chi scende e c'è chi sale, ma io spero con tutto il cuore che tu prenda l'ascensore".

Tonterie da proto adolescenti. Solo che se la frase in questione è quella scelta dal colosso dei dolciumi Melegatti in un periodo storico nel quale il diritto alle unioni gay e il fantasma dell'omofobia la fanno da padroni, lo slogan assume i contorni di un boomerang.

Ed è questo che è successo a Melegatti che, con lo spot apparso in Rete in mattinata, ha fatto un doppio autogol. Prima lo spot omofobo e la valanga di commenti indignati piovuti via social e poi la presa di distanza dal suddetto spot con un post apparso su Facebook che recita: "Con riferimento al post di questa mattina - scrive l'azienda - Melegatti S.p.A. chiarisce che la gestione della comunicazione sui social è affidata ad un'agenzia esterna che ha pubblicato senza autorizzazione da parte dell'Azienda. Melegatti S.p.A. si dissocia dall'operato di tale agenzia che ovviamente è stata sollevata dall’incarico e si scusa formalmente con chiunque si sia sentito offeso dal contenuto. Da 121 anni Melegatti è per tutti". 

In molti, dopo aver avuto da ridire contro il presunto sessismo dello spot non hanno ben accolto la presa di posizione dell'azienda. "Bene - ha scritto qualcuno - se Melegatti non si cura della campagna di social marketing, chissà cosa farà con gli ingredienti". Un altro utente ha scritto: "Questa cosa pesantemente omofoba mi ha indignato molto. Da eterosessuale non comprerò prodotti Melegatti quest'anno".

Il tutto arriva sotto Natale e a pochi giorni dalla questione "Pandoro Scanu" con il volto dell'artista che compare sul cartone di una limited edition del dolce natalizio e fa parte del merchandising di Valerio. Se i fans hanno apprezzato i detrattori hanno storto il naso, ma questo sarebbe successo in ogni caso, sia se sul Pandoro ci fosse stato Scanu, sia qualsiasi altro vip.

Melegatti, ecco come ha reagito l'azienda
Ti potrebbe piacere anche

I più letti