Si è sposata la donna più gelosa del mondo

Si chiama Debbie Wood e soffre di una malattia chiamata "Sindrome di Otello"

Schermata 11-2456974 alle 10.57.23

– Credits: Twitter

Barbara Pepi

-

Non che il suo Steve sia un adone, ma ogni volta che tornava a casa Debbie Wood lo costringeva ad eseguire il test della verità. La donna, un'inglese di 42 anni, soffre di una malattia nota come "Sindrome di Otello", un disturbo che porta il paziente malato ad essere geloso in maniera più che ossessiva di chiunque.

Al Daily Mail Debbie ha spiegato che tutto è iniziato dopo la fine di una storia che l'ha lasciata devastata. Da allora qualcosa dentro di lei si è spezzato e quando ha conosciuto Steve, tre anni fa, è diventata super gelosa di lui. "Anche se andava a prendere il latte al supermercato - ha raccontato - temevo flirtasse con la commessa e mi venivano veri attacchi di panico". Per ovviare a queste ansie feroci Debbie si è munita di macchina della verità e quando il povero ragazzo tornava a casa gli faceva, ogni volta, il test.

Non solo: nel passare del tempo l'uomo si è sottoposto sì alla macchina della verità, ma anche a test di fedeltà, check up completi di agende, whatsup, computer e Facebook per tranquillizzare l'apprensiva fidanzata. Una cosa così, al netto dell'aspetto della ragazza, avrebbe fatto scappare la quasi totalità dei maschi del globo, ma non Steve che, fedele e paziente, è rimasto accanto alla sua Debbie decidendo persino di sposarla. Basterà questo sigillo di lealtà e amore eterno a tranquillizzare l'Otello che vive nella giovane inglese?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Vita, coscienza e gelosia del Signor Ettore S., impiegato

La mattina del 28 settembre 1880, un giovanotto di 19 anni «alto, magro, con capelli neri corvini, dalla bella voce limpida e vellutata, semplice nel vestire, di umore molto vivace», saliva le scale di un disadorno edificio attiguo al massiccio …

«Mi eccitava essere fedele a condizione che lei non lo fosse». Gelosia e autocombustione

«Voglio prenderti da tutti i lati», scriveva Franz Kafka a Milena Jesenskà «quindi anche da quello della gelosia».

Brutta bestia, serpente, veleno, acido, mostro. Rapace che rode il fegato a quei Prometei che azzardano il furto del fuoco …

Commenti