Life

Al via il Cous cous fest

Dal 16 al 25 settembre, a San Vito Lo Capo una festa di cucina, musica, integrazione

img_9669

La preparazione del cous cous – Credits: Ufficio stampa

È difficile spiegare quanto sia speciale il Cous Cous fest, perché è un appuntamento di assoluta originalità, che mischia cibo, musica, allegria, persone di tutti i colori e nazionalità, e riesce per dieci giorni a rendere San Vito Lo Capo il caput mundi di un cibo povero, diventato negli anni popolare e spesso anche gourmet.

Dal 16 al 25 settembre il paese siciliano in provincia di Trapani, celebra questo ingrediente basico, reinventato da chef e offerto al pubblico nelle più svariate versioni. Domani si apre l'expo village e le Case del cous cous, punti di degustazione, dove si può mangiare con 10 euro

Le giornate di questa 19esima edizione saranno scandite da cooking show, dal Campionato italiano e da quello internazionale, da concerti in piazza (Alvaro Soler, Giusy Ferreri, Luca Carboni, Edoardo Bennato), da dibattiti.

Per la prima volta, fra i partecipanti, anche Angola e Perù. Presenti chef stellati com Claudio Sadler e Giancarlo Morelli e cuochi di fama come Filippo LaMantia, Luigi Pomata per citarne alcuni.

Il paese ha dalla sua una cultura dell'accoglienza radicata nei decenni. Matteo Rizzo, il sindaco, ammette: "La rassegna è il nostro fiore all'occhiello. In periodo di bassa stagione riesce a portare 200mila visitatori". Un bell'esempio di cultura materiale fattiva. Da imitare quanto prima.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti