La Parada dell'Amor: a Pozzuoli inaugurato il drive in del sesso

E' una sorta di area di sosta per coppiette in cerca di privacy, ma è già polemica

Barbara Pepi

-
 

Si chiama La Parada dell'Amor ed è una sorta di versione low cost del Motel. Si tratta di un'area, una sorta di grande parcheggio, fatto di piazzole per auto separate da grandi teloni scuri a garanzia della privacy, dove, dietro il pagamento di un biglietto che costa cinque euro e vale un'ora, è possibile entrare ed amoreggiare con la propria fidanzata, amante o compagna occasionale.

In Italia di questi parchi giochi sui generis ce ne sono tre, a Cremona, Bari e a Pozzuoli. Ed è proprio quest'ultimo inaugurato una settimana fa, che fa discutere. Il sindaco del comune campano, Vincenzo Figliolia, non ha per niente gradito l'iniziativa dei proprietari dell'area, Riccardo e Daniele Casaletta di 36 e 31 anni ed è pronto a fare carte false pur di far chiudere La Parada dell'Amor.

Dal canto loro i proprietari sono sconvolti per tutto lo scalpore che ha fatto il parco: "E' stato persino detto  - hanno dichiarato - che noi qui avevamo una sorta di ristoro, bar o qualcosa del genere. Qui non c'è nulla se non dei teloni, un casotto di legno dove accogliamo i clienti e l'opportunità per le coppie di avere un po' di privacy."

In realtà l'iniziativa è stata accolta molto bene su Facebook dove tantissime mamme di ragazzi giovani sono contente che esista un posto sicuro in cui i loro figli possono andare senza doversi appartare in aree malfamate e pericolose. All'ingresso, tra l'altro, agli ospiti viene consegnato un sacchettino con preservativi e un opuscolo che spiega i rischi del sesso non protetto.

Già dal giorno dell'apertura fuori dalla Parada si è creata una fila di macchine in attesa del proprio turno per avere un posto nel giardino dell'amore e, in vista dell'estate, il parco potrebbe avere un boom di visite.

"Altro che chiuderlo - scrive qualcuno su Facebook -  posti così dovrebbero essere presenti in tutto il Paese"

© Riproduzione Riservata

Commenti