Società

Kanye West: dubbi sulla paternità di North

Il rapper avrebbe chiesto alla moglie Kim Kardashian il test del DNA per essere certo di essere il padre della bambina

Una crepa incrina il magico mondo di Kim Kardashian e Kanye West. Il rapper, che in questo momento una ne pensa e cento ne fa, sarebbe pronto a chiedere il test del DNA a Kim per appurare la paternità della piccola North, la bimba nata nel 2013 dal matrimonio tra il cantante e la soubrette.

Pare, infatti, che Kim avesse fatto in passato congelare degli embroni frutto dell'inseminazione tra un suo ovulo e lo sperma dell'ex fidanzato.

Il dubbio di Kanye è che la sua intraprendente moglie, per non correre il rischio di non rimanere incinta, abbia finto di concepire la bambina con lui e che poi si sia fatta impiantare un embrione già bello fecondato e pronto.

In questo caso la piccina non sarebbe figlia di West e Kanye, per questa piccolo e innocente bugia, sarebbe pronto ad andare dall'avvocato e chiedere il divorzio (per la signora Kardashian sarebbe in terzo) dalla moglie.

Pare che il rapper non abbia dubbi, invece, sul secondo figlio, Saint, e che proprio l'assenza di somiglianza tra fratello e sorella abbia insospettito Kanye.

Del resto il rapper non sta vivendo un momento semplice e di stranezze ne sta facendo parecchie.

Prima la dichiarazione di un debito di 53 milioni di dollari via social, poi la richiesta - via Twitter - a Mark Zuckerberg, il papà di Facebook, di finanziarlo.

A questo va aggiunta una quantità di tweet impressionante che vanno dal "Tutti mi odiano" al "Mi sento l'imperatore del mondo".

Poi va sommata la dichiarazione di una presunta candidatura alla Casa Bianca per il 2020 e la presa di posizione contro le donne che "Dovrebbero rimanere al loro posto".

Insomma, secondo alcuni, Kanye più che di un avvocato divorzista avrebbe bisogno di un buon medico

Instagram
Kim Kardashian e Kanye West
Ti potrebbe piacere anche

I più letti