Catherine Deneuve vende il suo castello

Lo storico Château de Primard di proprietà dell'attrice può essere acquistato per 3,9 milioni di euro

Château de Primard – Credits: www.sothebysrealty.com

Barbara Pepi

-

3,9 milioni di euro. A questa cifra è in vendita il castello di Catherine Deneuve. La magione si trova a Guainville, un paesino di 700 abitanti nell'Eure-et-Loir, a 75 chilometri da Parigi e l'annuncio si legge in diverse agenzie immobiliari in Francia e all'estero .

Lo château de Primard è stato costruito nel XVIII secolo ed è ancora circondato da un fossato con l'acqua: la superficie abitabile è di di 1.200 metri quadrati. A piano terra di trova una cucina da 50 metri quadrati oltre al soggiorno, alla gigantesca libreria e ad altre stanze. Al primo piano la camera da letto padronale misura 65 metri quadrati; poi ci sono altre due camere da letto e la stanza per gli ospiti, tutte con bagno annesso e al secondo piano si trova un'altra stanza da letto, due camerette per bambini, la lavanderia, una sauna da 70 metri quadrati e altre varie camere.

Il tutto è chiuso, al terzo piano da un attico con stanza del relax e cinema. Una vera reggia situata in un grande parco di 18 ettari ridisegnato dall'architetto paesaggista Jacques Wirtz, scelto per le aree verdi dell'Eliseo dall'ex presidente Francois Mitterrand.

Un vero castello molto caro a colei che fu la storica compagna di Marcello Mastroianni dove l'attrice amava rilassarsi e recarsi durante le vacanze. "Il giardino, le piante, tutte queste attività mi rilassano, mi fanno bene - aveva detto qualche anno fa in un intervista a Madame Figaro l'attrice - e poi mi piace camminare".

Ora, però, il castello è stato messo in vendita: difficile pensare che sia stata la crisi a causare la decisione della vendita visto che Madame, nonostante i settant'anni già compiuti, continua a lavorare e a macinare campagne pubblicitarie e pellicole. Forse, più semplicemente, era diventato troppo per lei visto che ormai i figli sono grandi e se ne sono andati da un pezzo per la loro strada. 

© Riproduzione Riservata

Commenti