A spasso per gli States: l'America e l'illusione della libertà

Nella terra promessa dei diritti e delle possibilità ci sono regole che non ci si può permettere di infrangere (come buttare un mozzicone dal finestrino dell'auto)

Auto della polizia

Martina Panagia

-

"Siamo in un paese libero!" è la frase che più si sente nei film americani. Ma più sto qui mi rendo conto che non è così. In America hai l'illusione della libertà: ti confinano in un recinto in cui all'interno hai lo spazio per muoverti come preferisci, ma appena superi il confine la paghi molto cara. Senza approfondire con tematiche troppo pesanti ma rimanendo nella leggera superficialità che contraddistingue la mia rubrica, vi porto l'esempio delle norme stradali. Il codice della strada italiano è molto ferreo, infrangendolo si rischiano multe e decurtazioni di tot punti dalla patente. In America è diverso, cambia da Stato a Stato ma in linea di massima le norme non sono come quelle italiane. Per chiarire: è legale superare a destra e ti concedono la libertà di scorrazzare senza casco, ma ti arrestano per molto meno; sono più morbide e più rigide allo stesso tempo. È come se fosse un dare e avere.

Italia: nessuno che conosco è mai stato multato per aver buttato mozziconi di sigaretta o fazzoletti dal finestrino. Comunque la multa media sarebbe di 23 euro, in rarissimi casi di 500.
States: gettare una qualsiasi cosuccia dal veicolo vale un' ammenda di 1000 dollari, se sei recidivo la pena è l'arresto.

Italia: non si possono inviare sms nè si possono effettuare telefonate mentre si è alla guida
States: spot pubblicitari in tv recitano "non mandare sms, telefona per salvarti la vita". Qui si può guidare parlando tranquillamente al cellulare. Senza auricolari. Ma se mandi un sms ti arrestano.

Italia: è obbligatorio il casco per tutti i motocicli

States: di qualsiasi sia la cilindrata della moto, il casco non è obbligatorio. Ma il motociclista, nel traffico o al semaforo, non deve superare il veicolo che lo precede.

Italia: quando una pattuglia ti ferma per un controllo, ti chiede patente e libretto. Dopo averglieli consegnati puoi scendere dall'auto, fumare una sigaretta o aspettare grattandoti la testa.
States: se un poliziotto ti ferma quando sei in auto, non puoi fare nulla e devi rimanere fermo. Se solo ti azzardi a togliere le mani dal volante ti puntano la pistola, perché potresti voler impugnare un'arma. E ti arrestano.

Italia: allo Stop, precedenza a destra
States: allo Stop, ha la precedenza chi arriva prima

Italia: il rosso è rosso.
States: se è rosso, puoi comunque girare a destra

Italia: se ti beccano alla guida senza patente per dimenticanza, hai 5 giorni per presentarla a qualsiasi comando di polizia e se sei sfortunato paghi 36 euro di multa
States: alla terza volta, ti arrestano.

Per riassumere, in 25 anni passati in Italia non ho mai assistito ad un arresto, mentre nel mio road trip americano in una sola settimana ne ho visti tre. Per motivi così futili che qualsiasi cittadino italiano avrebbe gridato all'abuso di potere. Forse è per questo che troneggiano cartelloni pubblicitari di avvocati che a lettere cubitali gridano " Sei stato arrestato? Chiamaci!". Per non parlare dell'atteggiamento aggressivo dei poliziotti che anche per la minima effrazione ti urlano dietro come se fossi un criminale della peggior specie.
È una terra di contraddizioni, nella quale i cittadini sono illusi di avere una libertà che non hanno. E che pagano a carissimo prezzo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A spasso per gli States: la partenza e i contrattempi

Tra cellulari persi e litigate con il fidanzato il racconto di uni viaggio estenuante per arrivare a San Francisco

A spasso per gli States: San Francisco, la città dove tutto è particolare

Una città incredibile tra leoni marini e scarpe con le ali

A spasso per gli States: il parco naturale di Yosemite, per immergersi nel vero pianeta Terra

Un ecosistema avviato che farebbe tranquillamente a meno dell'essere umano che si affanna tanto per piegare la natura al suo servizio

A spasso per gli States: Las Vegas un luna park nel cuore del deserto

Nella città dove tutto è all'insegna della finzione l'illusione è la regola e l'azzardo del gioco dei casinò lascia i visitatori col muso lungo (e il portafogli vuoto)

A spasso per gli States: a Orlando tra Harry Potter e Spiderman

In Florida sulle tracce del Peter Pan che si nasconde in ognuno di noi

Commenti