Barbara Massaro

-

Sarebbe potuta durare anni la battaglia legale tra gli eredi di Robin Williams e, invece, dopo circa un anno e mezzo dal suicidio dell'attore avvenuto l'11 agosto del 2014 la vedova Susan Schneider Williams e i tre figli Zachary, Zelda e Cody avrebbero trovato la quadratura del cerchio.

I dettagli dell'accordo non sono stati resi noti, ma secondo quanto riferisce l'avvocato di Susan Schneider Williams, alla vedova rimarrà la villa che divideva con l'attore nella baia di San Francisco e riceverà alimenti che le consentiranno di poter mantenere la casa fino alla morte.

Inoltre potrà tenere per sè un orologio indossato spesso da Williams, una bicicletta e i regali delle loro nozze.

La disputa tra la donna e i tre figli era nata per alcuni oggetti personali, tra cui premi e memorabilia, collezionati dall'artista durante la sua carriera e custoditi nelle due case di Williams. 

Nessuno dei tre figli di Williams è figlio anche della Schneider in quanto il più grande Zachary è nato dall'unione con Valerie Velardi, mentre Zelda e Cody sono figli di Marsha Garces, che di Zachary era la baby sitter.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Robin Williams: i 10 personaggi più belli della sua carriera

Carrellata di immagini delle migliori interpretazioni dell'attore morto suicida e che oggi avrebbe compiuto 65 anni

Commenti