Quale iPad scegliere?
Apple
Quale iPad scegliere?
Tecnologia

Quale iPad scegliere?

iPad Air 2, iPad Air, iPad Mini 3, iPad Mini 2 e iPad Mini: cinque modelli per cinque acquirenti diversi. Ecco come orientarsi

Con l’arrivo sul mercato dei nuovi iPad Air 2 e iPad Mini 3 sale a cinque il numero di tablet messi in commercio da Apple: oltre ai due ultimi arrivati, infatti, rimangono a catalogo altri tre modelli pre-esistenti, l’iPad Air di prima generazione, l’iPad Mini e l’iPad Mini 2.

Doveroso, arrivati a questo punto, provare a mettere un po’ di ordine fra le varie proposte. Lo abbiamo fatto anche noi in questa breve rassegna nella quale abbiamo analizzato i pro e contro di ciascun modello. [Scorri per continuare]

iPad Air 2

Apple

Cosa offre
È il miglior tablet di Apple, nonché quello più sottile: con i suoi 6,1 millimetri di spessore, l’iPad Air 2 riesce a far sfigurare persino il sottilissimo iPad Air di prima generazione (che non per niente fu denominato Air). Spessore a parte, è tutto il reparto hardware a ben impressionare: il display è stato migliorato (in termini di contrasto e capacità anti-riflesso), il reparto fotografico è praticamente a livelli dell’iPhone 6 (sia per risoluzione che per opzioni di scatto) e l’aggiunta del lettore di impronte digitali (Touch ID) è la ciliegina sulla torta. Ma il vero plus del dispositivo è nascosto nel bel mezzo delle risorse hardware: è il nuovo processore A8x, il chipset più potente mai utilizzato all'interno di dispositivo mobile di Apple; un vero toccasana per le applicazioni ottimizzate per iOS 8.

Quanto costa
iPad Air 2 Wi-Fi (16 GB): 499 euro
iPad Air 2 Wi-Fi (64 GB): 599 euro
iPad Air 2 Wi-Fi (128 GB): 699 euro
iPad Air 2 Wi-Fi + Cellular (16 GB): 619 euro
iPad Air 2 Wi-Fi + Cellular (64 GB): 719 euro
iPad Air 2 Wi-Fi + Cellular (128 GB): 819 euro

Perché sceglierlo (e perché no)
Se volete il numero uno fra i tablet di Apple non avete scelta: per prestazioni, hardware e qualità del display, l’iPad Air 2 è di gran lunga la miglior tavoletta mai partorita da Cupertino (nonché uno dei migliori modelli in assoluto). Un prodotto best in class, dunque, che saprà farsi apprezzare anche e soprattutto per via del suo spessore risicatissimo e per la conseguente riduzione di peso (437 grammi il verdetto della bilancia). Dopo la cura dimagrante, è il caso di dirlo, l’iPad Air (2) è diventato maneggevole quasi come un iPad Mini. La novità, ovviamente, si paga: il prezzo di partenza è di 499 euro, ma per la versione più lussuosa (iPad Air 2 Wi-Fi + cellular da 128 GB) si superano gli 800 euro. [Scorri per continuare]

iPad Air

Cosa offre
Rispetto al nuovo modello, l’iPad Air di prima generazione si "riconosce" - per modo di dire - per via del millimetro in più di spessore (7,2 contro 6,1 millimetri) e per l’assenza del lettore di impronte digitali Touch ID sul tasto Home. La dotazione hardware resta comunque di buon livello: il display, ancorché privo di rivestimento anti-riflesso, ha la stessa risoluzione dell’Air 2 (2048 x 1536 pixel per un totale di 264 pixel per pollice), la fotocamera anteriore è da 5 megapixel e supporta gli scatti in modalità HDR, Panorama nonché i video in formato HD (1080p) e Timelapse (assenti invece Moviola e Scatto a raffica). Sotto il cofano pulsa un chip A7 con architettura a 64 bit e coprocessore di movimento M7 .

Quanto costa
iPad Air Wi-Fi (16 GB): 399 euro
iPad Air Wi-Fi (32 GB): 499 euro
iPad Air Wi-Fi + Cellular (16 GB): 519 euro
iPad Air Wi-Fi + Cellular (32 GB): 569 euro

Perché sceglierlo (e perché no)
I 100 euro in meno rispetto al nuovo modello fanno del “vecchio” Air un’alternativa da prendere seriamente in considerazione soprattutto da quanti non sono così interessati alle novità allo stato dell’arte. Sebbene processore, fotocamera e spessore non siano ai livelli del nuovo Air 2, l’iPad Air di prima generazione resta comunque un tablet ben attrezzato, oltre che sottile (la differenza, a conti fatti è di poco più di un millimetro). L’unico vero difetto sta forse nella possibilità di scegliere solo fra tagli di memoria ridotta (16 o 32 GB). [Scorri per continuare]

iPad Mini 3

Cosa offre
L’ultimo nato della famiglia Mini di Apple è una versione leggermente ristilizzata del precedente iPad Mini Retina. Invariati display (da 8 pollici), processore (A7), coprocessore (M7) e reparto fotografico (fotocamera posteriore da 5 megapixel e anteriore da 1,2 megapixel). L’unica vera differenza, specifiche alla mano, sta nel sensore di impronte digitali Touch ID (che oltre a sbloccare il terminale abilita le future applicazioni basate su Apple Pay) e nella possibilità di usufruire dei tagli da 64 e 128 GB di memoria.

Quanto costa
iPad Mini 3 Wi-Fi (16 GB): 399 euro
iPad Mini 3 Wi-Fi (64 GB): 499 euro
iPad Mini 3 Wi-Fi (128 GB): 599 euro
iPad Mini 3 Wi-Fi + Cellular (16 GB): 519 euro
iPad Mini 3 Wi-Fi + Cellular (64 GB): 619 euro
iPad Mini 3 Wi-Fi + Cellular (128 GB): 719 euro

Perché sceglierlo (e perché no)
Come abbiamo già avuto modo di raccontarvi in passato, l’iPad Mini non soffre di alcun inferiority complex rispetto al più grande Air. Anzi, in certe situazioni (in viaggio, ad esempio, o nelle situazioni in cui serve un tablet davvero tascabile) il piccolo di casa Apple risulta persino più vantaggioso del fratello maggiore. Tuttavia, considerato l’upgrade pressoché impalpabile operato da Apple, il terzo capitolo della saga Mini rischia di rimanere un prodotto a metà strada: chi vuole un tablet allo stato dell’arte si indirizzerà verso dell’iPad Air 2 (che in fin dei conti costa solo 100 euro in più), chi invece si accontenterà di una soluzione più economica si dirigerà più presumibilmente verso l’iPad Mini 2 (pressoché identico nel design e nelle prestazioni ma con un cartellino scontato di 100 euro). A ben guardare il vero target di questa offerta sono gli utenti che prediligono una soluzione compatta e che di norma caricano tonnellate di foto e contenuti sul tablet. In questo senso i quattro iPad Mini 3 con memoria maggiorata (da 64 e 128 GB) rappresentano gli unici modelli del catalogo Apple che riescono a combinare compattezza e capacità di storage. [Scorri per continuare]

iPad Mini 2

Cosa offre
Il vecchio iPad Mini con Retina display è rimasto in produzione, modificato nel nome ma non nella dotazione. Display, processore e coprocessore (A7/M7) sono ancora una garanzia, e lo stesso dicasi per le fotocamere (da 5 e 1,2 megapixel). Si potrebbe dunque dire che l’iPad Mini 2 sia una versione alleggerita del nuovo iPad Mini 3 da cui differisce per due soli particolari: il lettore di impronte digitali Touch ID (qui assente) e la mancanza delle varianti ad alta capacità (di memoria).

Quanto costa
iPad Mini 2 Wi-Fi (16 GB): 299 euro
iPad Mini 2 Wi-Fi (32 GB): 349 euro
iPad Mini 2 Wi-Fi + Cellular (16 GB): 419 euro
iPad Mini 2 Wi-Fi + Cellular (32 GB): 469 euro

Perché sceglierlo (e perché no)
Lo sconto di 100 euro praticato da Apple dopo l'arrivo del nuovo iPad Mini 3 fanno dell’iPad Mini 2 un’alternativa decisamente stuzzicante per quanti vogliono un tablet dal buon rapporto qualità/prezzo. A 299 euro (a tanto ammonta il cartellino della versione entry level) non sono molti i tablet che possono offrire un tale livello di prestazioni in un corpo così ben rifinito. I 32 GB di capacità massima (non espandibile) sono però un handicap da tenere presente al momento dell’acquisto: se amate il download selvaggio o utilizzate il tablet come contenitore per tutte le vostre foto e tutti i vostri video, potreste trovarvi in difficoltà. [Scorri per continuare]

iPad Mini

Cosa offre
Dei cinque modelli del catalogo Apple è il più vecchio (il debutto è datato ottobre 2012), nonché quello con la dotazione più essenziale. L’iPad Mini di prima generazione si presenta con un display non Retina (1024 x 768 pixel), un processore A5 da 32 bit e nessun coprocessore di movimento. Più che decorosa, invece, la dotazione fotografica che prevede una fotocamera posteriore da 5 megapixel e una anteriore da 1,2 megapixel. Praticamente nulle le varianti a catalogo; si può scegliere solo fra due modelli (con o senza supporto alle reti mobili) entrambi da 16 GB.

Quanto costa
iPad Mini Wi-Fi (16 GB): 249 euro
iPad Mini Wi-Fi + Cellular (16 GB): 369 euro

Perché sceglierlo (e perché no)
Il prezzo d’ingresso è a dir poco allettante, ciononostante l’iPad Mini è forse l’investimento più rischioso fra quelli proposti dal catalogo Apple. La scarsa risoluzione del display, la presenza di un processore datato e la capacità di memoria ridotta all’osso (16 giga senza possibilità di espansione) stanno agli utenti che desiderano un oggetto longevo come la spada del tiranno Dionigi alla testa di Damocle. Consigliato solo a chi si accontenta di un tablet compatto per navigare e far girare qualche applicazione (non troppe), meglio ancora se disinteressato ai futuri aggiornamenti di iOS.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti