Rita Fenini

-

All' inizio del XX secolo Parigi era la capitale delle avanguardie artistiche e culturali: artisti da tutto il mondo si stabilirono nella Ville Lumière, dando vita a nuove forme di arte e letteratura, risposta culturale ad uno sviluppo economico, sociale e tecnologico rapido, che andava completamente trasformando il tessuto sociale e urbano.

Nella Parigi di quegli anni, Pablo Picasso e Georges Braque rivoluzionarono radicalmente le convenzioni della pittura, Robert Delaunay cominciò a scomporre gradualmente volumi e colori, Vasily Kandinsky dipinse le sue immagini astratte, libere nelle forme e nei colori. E poi Soutine, Chagall, Modigliani, altre voci fuori dal coro, che con le novità amavano confrontarsi e che realizzarono opere immortali, che occupano un posto d'onore nella storia dell'arte

Questa sensazionale mostra - che espone molti capolavori provenienti dalla collezione del Museo Solomon R. Guggenheim di NYC - spazia dal primo Novecento fino alla seconda guerra mondiale, esplorando i movimenti chiave dell' arte moderna, dal postimpressionismo al Cubismo, dal Fauvismo al Surrealismo e al Dadaismo, dando spazio a quel nutrito gruppo di artisti, geniali ed originali, che divenne noto come "L' Ecole de Paris": a legarli, il desiderio comune di respingere l' estetica conservatrice e trasformare la percezione della vita quotidiana di in una città moderna e in continuo divenire

Panoramas de la ciudad
la Escuela de París, 1900-1945
Dal 22 aprile al 23 ottobre 2016

Guggenheim Museum Bilbao

Abandoibarra Etorb. 2 - Bilbao

© Riproduzione Riservata

Commenti