Ravenna

Una app contro i malviventi

Siqra controlla i movimenti sospetti. E consente di prevenire furti e scippi

10 JUN 2016 - Ravenna - SIQRA: Ares Braghittoni al mausoleo di Teodorico.

Marco Morello

-

È nata come una reazione ai casi di microcriminalità nel Ravennate, si è rivelata un'idea vincente su scala nazionale: Siqra è un'applicazione (app) per iPhone che consente di essere informati sui furti di beni o in appartamenti, rapine, truffe e incidenti in un raggio di tre chilometri dal punto che si desidera tenere d'occhio, dalla casa in città a quella al mare o dei genitori.

- LEGGI QUI IL PROGRAMMA DI PANORAMA D'ITALIA A RAVENNA

Non solo per provare a cautelarsi non appena, come in estate, certi episodi diventano più frequenti, ma per ricevere elementi utili per identificare un sospetto. Il servizio funziona sulla base delle segnalazioni degli utenti, che sono già 3 mila a pochi mesi dal lancio: se per esempio un iscritto pubblica luogo e orario in cui è stata rubata la sua automobile, un testimone potrebbe raccontare in un commento di averla vista allontanarsi ad alta velocità in una via limitrofa e descrivere chi era alla guida.

"Siamo a disposizione per fornire account illimitati alle forze dell'ordine per aiutarle nel loro lavoro" dice Ares Braghittoni, il creatore di Siqra. Impiegato tecnico in un'azienda nautica, 30 anni, una passione per grafica e programmazione, Braghittoni ha scelto di non inserire pubblicità e di lasciar usare l'applicazione in modo pressoché gratuito: "In questa fase di crescita" spiega "cerchiamo innanzitutto investitori per sviluppare la versione per Android". Consolidando un social network che, anziché foto e faccine, mette al centro la sicurezza.

© Riproduzione Riservata

Commenti