Usa 2016, primarie in South Carolina e Nevada: le 3 cose da sapere
Alonso Javier Torres, Flickr
Usa 2016, primarie in South Carolina e Nevada: le 3 cose da sapere
News

Usa 2016, primarie in South Carolina e Nevada: le 3 cose da sapere

Allo scontro a due tra i democratici, si contrappone il quadro molto più variagato dei repubblicani che insidiano Trump

Le tappe

Primarie nel New Hampshire Chip Somodevilla/Getty Images

Si ricomincia sabato 20 febbraio, con i caucus democratici in Nevada e quello repubblicano a Washington, e con le primarie repubblicane in South Carolina.

Martedì 23 febbraio sarà poi la volta dei caucus repubblicani ancora nel Nevada e, il sabato successivo, 27 febbraio, si torna in South Carolina per primarie democratiche, un appuntamento-chiave per capire verso quale dei due candidati di testa si orienterà il voto degli afro-americani.

Ma la tappa cruciale della fase preliminare delle elezioni sarà quella del primo marzo quando, nel cosiddetto SuperTuesday, saranno 15 (più il territorio federale delle isole Samoa) gli Stati che verranno coinvolti nei caucus e nelle primarie.

I sondaggi

clinton-trump Hillary Clinton e Donald Trump: candidati di Democratici e Repubblicani alle elezioni presidenziali Usa 2016 - Scott Eisen/Getty Images Hillary Clinton - Getty Imagines / Mark Wilson Donald Trump

A guidare le cifre sulle previsioni di voto nelle prossime consultazioni - con un ampio margine su tutti gli altri candidati - sono Hillary Clinton e Donald Trump.

Facendo tesoro di quanto è accaduto in New Hampshire, c'è tuttavia una quota di imponderabile rispetto a quanto potrà succedere nelle intenzioni di voto verso Bernie Sanders e, nei repubblicani, tra i vari esponenti in lizza, come vedremo nella slide successiva.

Gli outsider (repubblicani) di lusso

Il senatore del Texas Ted Cruz EPA/JIM LO SCALZO

Mentre la lotta in casa democratica sembra essere circoscritta al duello Clinton-Sanders, tra i repubblicani il quadro è più variegato, e anche senza contare l'eventuale discesa in campo di Michael Bloomberg.

A insidiare la leadership di Trump nelle tornate a a venire potrebbe essere principalmente Ted Cruz, seguito a ruota da Marco Rubio, il grande sconfitto del New Hampshire. Dietro di lui, Jeb Bush, John Kasich e Ben Carson.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti