Scienza

Spettacolo Luna rossa: è l'eclissi più lunga del secolo

Tutti col naso all'insù per godersi un fenomeno straordinario: eclissi totale di Luna e Marte in grande opposizione al Sole

Luna rossa

Marta Buonadonna

-

Questa sera la Luna passerà attraverso l'ombra della Terra e assumerà quella colorazione rosso intenso che le fa guadagnare l'appellativo di Blood moon. Si tratterà dell'eclissi totale più lunga del secolo. Contemporaneamente Marte, il pianeta rosso, si troverà alla più corta distanza dalla Terra, in "grande opposizione", e risulterà insolitamente luminoso.

Quando, dove e come

Lo spettacolo avrà inizio dopo il tramonto, a partire dalle 20:30, l'eclissi tocca il suo massimo alle 22:21 e finisce intorno all'una e mezza di sabato mattina, con una durata di oltre cinque ore ore. La parte di eclissi totale, quindi il fenomeno della Luna completamente rossa, durerà un'ora e 43 minuti, dalle 21:30 alle 23:13 circa.

La vedremo al meglio noi in Europa, e poi sarà ben visibile in Africa, Medio Oriente, Asia centrale e Australia. Sarà tagliato completamente fuori dall'eclissi il Nord America, mentre dalla parte orientale dell'America del Sud se ne potrà vedere la fine.

Perché durerà così a lungo?

A determinare la durata dell'eclissi lunare è la posizione della Luna mentre attraversa l'ombra della Terra. La parte più oscura dell'ombra della Terra è chiamata umbra ed è come un cono che si estende dalla Terra nella direzione opposta al Sole. La Luna può sfiorare il cono o attraversarne il centro, e in questo caso l'eclissi ha una durata maggiore. Adesso la Luna si sta avvicinando al centro di quel cono, quindi l'eclissi alla quale assisteremo sarà un po' più lunga di quella che ha avuto luogo il 31 gennaio scorso.

Ma c'è di più. La Luna si trova infatti in un punto più lontano dalla Terra lungo la sua orbita. Ciò significa che il satellite apparirà leggermente più piccolo nel cielo e impiegherà un po' più di tempo per attraversare l'ombra proiettata dal nostro pianeta.

Perché la Luna diventa rossa?

Nel suo transito all'interno dell'ombra terrestre ci si aspetterebbe che la Luna diventasse semplicemente più scura, perché invece la vedremo rossa? Il cambiamento di colore avviene perché l'atmosfera terrestre agisce sia come lente che come mezzo di dispersione per la luce del Sole. Quando la luce passa attraverso qualsiasi mezzo, rallenta un po' e si piega. Quindi un po' di luce solare si piega verso la superficie della Luna mentre attraversa l'atmosfera terrestre durante un'eclissi.

Se fossimo sulla Luna e osservassimo la Terra durante un'eclissi lunare, vedremmo un anello di luce attorno al bordo della Terra mentre passa davanti al Sole. Oltre alla flessione, l'aria disperde la luce a lunghezza d'onda corta più della luce a lunghezza d'onda più lunga. I colori come il verde e il blu hanno lunghezze d'onda più corte del rosso o dell'arancio, quindi si disperdono di più e ciò che resta è la parte più rossa dello spettro.

Doppio spettacolo

Ogni 28 giorni nel cielo c'è la Luna piena, il che significa che il satellite si trova per noi in opposizione rispetto al Sole e ne viene completamente illuminato il lato rivolto verso di noi. Per quel che riguarda il pianeta Marte, assai più lontano della Luna, si trova in opposizione, cioè dal lato opposto rispetto al Sole per noi che siamo sulla Terra, ogni 26 mesi circa. In questi giorni il pianeta rosso, la cui orbita intorno al Sole è ellittica, quindi ha delle fasi in cui è più lontano e altre in cui è più vicino alla nostra stella, si trova non solo in opposizione al Sole ma anche nel punto dell'ellittica più vicino ad esso e anche più vicino alla Terra. Si parla allora di "grande opposizione".

Quindi nel cielo notturno di venerdì non vedremo soltanto la Luna rossa, ma anche il pianeta Marte illuminato di un bagliore giallo-arancio abbagliante e separato dalla Luna da una distanza di appena sei gradi. Un simile accoppiamento di una Luna totalmente eclissata e Marte a un'opposizione eccezionalmente brillante si era già verificato quasi cinquant'anni fa: il 6 agosto 1971.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marte, le nuove immagini dallo spazio | video

Marte: così un team italiano ha trovato un lago sotterraneo

Scoperto con il radar MARSIS deposito di acqua liquida a 1,5 km di profondità

Commenti