Politica

Sui muri dell'Università di Milano minacce di morte a Salvini

"Sparate a Salvini, Salvini a testa in giù" recitava uno striscione appeso alla Statale e firmato dagli studenti. L'Ateneo: "Denunceremo gli autori"

striscione contro salvini statale

"Salvini muori, Salvini crepa, Salvini infame, sparate a Salvini, Salvini a testa in giù". A leggere questo striscione comparso ieri a Milano (in seguito a quest'ultima moda della protesta con il lenzuolo) in realtà non c'è nulla di nuovo, di già letto o che spaventi per il suo contenuto. Di minacce di morte il leader della Lega ne riceve diverse, ogni giorno.

Quello che stupisce è la firma ed il luogo dove lo striscione è stato creato ed esposto. Nn stiamo infatti parlando di un centro sociale o la sede di qualche partito antagonista, no no. Lo striscione è firmato "Gli Studenti e Le Studentesse dell'Università Statale di Milano" ed è stato esposto dalla sede storica e simbolica dell'ateneo in Via Festa del Perdono. E questa è una cosa grave.

In casa propria, sul balcone o sulla finestra, ognuno ha il diritto di esporre lo striscione che vuole. Ma se la cosa viene fatta sulle mura di uno dei più prestigiosi luoghi di Milano dedicati alla cultura, al pensiero, ai giovani allora la cosa diventa davvero grave.

Siamo arrivati al punto che nelle aule dove si insegna la letteratura, la filosofia, la storia, dove si formano i professori e gli insegnanti di domani venga preparato ed esposto un cartello con una ripetuta minaccia di morte (e poco, anzi niente, importa a chi sia stata diretta).

Arriviamo da una settimana in cui la vicenda dell prof sospesa a Palermo per un video in cui ragazzi di 14 anni paragonano le leggi razziali del 1938 al Decreto Sicurezza del Governo Conte. Oggi questo (e sarebbe bello sapere cosa ne pensi il Rettore di quanto successo).

Questa campagna elettorale, trasformata in una caccia all'uomo, rischia di essere la peggiore di sempre senza contenuti ma piena di odio e paura. Nelle piazze, in tv, e nelle università.

Per fortuna tra 5 giorni è tutto finito.

Il giorno 20 maggio riceviamo e pubblichiamo dall'Ufficio stampa e Comunicazione dell'Università Statale di Milano:

"In relazione all'articolo sopra citato e pubblicato su Panorama online oggi, dall'Università Statale di Milano si precisa che non solo lo striscione, apparso venerdì pomeriggio, è stato immediatamente rimosso e requisito su disposizione del Rettore, ma che le autorità accademiche procederanno domani a presentare regolare denuncia alla autorità giudiziaria, dato il contenuto penalmente rilevante di quanto scritto.
Si prega pertanto di procedere a rimodulare titolo e contenuto dell'articolo in senso più aderente alla effettiva realtà dei fatti."


© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti