Silvio Berlusconi: "Nel mio Governo Salvini e Montezemolo"

Il leader di Forza Italia in un'intervista a "L'Aria che Tira" (La7) fa i primi nomi per un esecutivo e sul M5S dice: "Non hanno né arte né parte. La Raggi? Dovrebbe dimettersi per incompetenza"

silvio-berlusconi

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia – Credits: ANSA / MATTEO BAZZI

Redazione

-

Matteo Salvini agli Interni ("farebbe certamente meglio di Alfano, ma può andare dove vuole lui"), Luca Cordero di Montezemolo agli Esteri e tentare il recupero di Franco Frattini. Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi inizia a stilare la lista di ministri del suo potenziale Governo del 2018 quando, con buone probabilità gli italiani saranno chiamati nuovamente alle urne.

E lo fa in un'intervista a David Parenzo per il programma di La7 L'Aria che tira.

LEGGI ANCHE: L'intervista a Panorama, "Sarò sempre in prima linea"

"Credo voteremo a febbraio o marzo 2018" aggiunge Berlusconi. "Mi piacerebbe riuscirci con una legge proporzionale, l'unica che rispetta il volere degli elettori in un sistema tripolare. Spero ancora di riuscire a vararla". Quanto alle future alleanze di Governo, non ha dubbi. "Alfano? Difficile che chi è stato ministro tre volte con la sinistra torni con noi", dichiara rilanciando un'idea di coalizione di centrodestra con la Lega di Salvini. "Stiamo lavorando al programma del centrodestra; la questione dell'euro è l'unico punto di programma che ci divide dalla Lega. Loro vorrebbero uscire completamente, noi come sapete siamo per una doppia circolazione, come al tempo della guerra. Ci lavoreremo".

LEGGI ANCHE: Centrodestra, più convinzione per vincere

Quanto al Movimento 5 Stelle, il leader di Forza Italia ha le idee chiare: "I Cinque Stelle non hanno né arte né parte. Un movimento che cambia idea su tutto. Beppe Grillo? Un buon comico, col vizio di farsi pagare in nero, circondato di persone che non hanno mai fatto niente, i veri professionisti della politica: gente che prima delle elezioni non faceva niente". E in particolare su Virginia Raggi, sindaco di Roma, ha detto: "Se ne freghi delle inchieste, basta con le inchieste che buttano per aria le decisioni degli elettori. Semmai dovrebbe lasciare per incapacità".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ballottaggi alle comunali: ora il centrodestra deve gestire il vantaggio

Che abbia avuto successo al primo turno è indubbio. Ma per non sprecarlo non deve cedere alla rivalità interna e mobilitare l'elettorato

Comunali 2017: centrodestra in vantaggio, M5S in difficoltà

I risultati del primo turno in mille comuni italiani mostrano il movimento di Grillo in frenata, incapace di raggiungere i ballottaggi. Il Pd non brilla

E ora Salvini vuole la "federazione" di centrodestra

Apertura a Forza Italia, distanza da Marine Le Pen sui temi europei e un nome: "Prima gli italiani". Così il leader della Lega ci riprova

Prove di leadership nel centrodestra

Silvio Berlusconi lancia il nome di Zaia come successore alla guida della coalizione. Ma lui frena: "La Lega ha già un candidato, Salvini"

Dopo Renzi, il centrodestra per vincere deve solo stare fermo: ci riuscirà?

Il fronte moderato giri alla larga da ogni ipotesi di governo e non tema le elezioni anticipate: sono gli avversari nei guai e non vanno aiutati

Commenti