Politica

Raffaele Fitto lascia Forza Italia e il Ppe

"Chi se ne va ci toglie un peso, siamo felici" è la risposta di Silvio Berlusconi all'ex-delfino che si avvicina ai conservatori

Raffaele-Fitto

Raffaele Fitto durante la conferenza stampa per presentare le controposte dei ''Ricostruttori'' al DEF, Roma 16 Aprile 2015 – Credits: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il burrascoso divorzio tra Raffaele Fitto e Silvio Berlusconi arriva al capitolo finale. L'europarlamentare pugliese annuncia che lascerà Forza Italia e ed anche il Ppe e il Cavaliere fa spallucce: "Chi se ne va ci toglie un peso, siamo felici".

LEGGI ANCHE: Berlusconi-Fitto, è rottura

LEGGI ANCHE: Fitto-Verdini, i dissidenti di Forza Italia

Un capitolo chiuso

"Per quanto mi riguarda, FI è un capitolo chiuso e soprattutto dopo le ultime performance pugliesi non ci sono più le condizioni per restare" annuncia Fitto bollato dal leader di FI come 'un fenomeno regionale'. E che continua a non augurare un futuro radioso all'ex delfino che lascia: "In passato qualcuno se n'è andato da Forza Italia e non e' mai finito molto bene..".

Per il futuro, per ricostruire le fondamenta della "Cosa" di centrodestra, Fitto intende invece ricominciare dalla casa europea. "Ho scritto una lettera al capogruppo del Ppe per spiegare che esco e ho mandato una richiesta di adesione al capogruppo dei Conservatori europei" spiega l'ex Delfino di Berlusconi che intende lasciarsi definitivamente alle spalle FI e costruire un nuovo centrodestra sul modello britannico seguendo il motto: "Nè con la Merkel, nè con Le Pen".

"Il centrodestra nel nostro Paese ha bisogno di mettere in campo qualcosa che vada oltre a una leadership che ha messo fine alla sua esperienza" dice il parlamentare europeo che non replica alle gelide battute del Cavaliere e prende le distanze dalla sterile critica: "C'è chi come me parla e continuerà a parlare dell'Italia, di idee e del futuro. E c'è chi invece continua solo a offendere e a insultare. A ciascuno il suo".

Da Lucia Annunziata che lo intervista a In Mezz'Ora si schernisce: "Ho sempre fatto polemica politica. Non ho mai offeso nessuno, non sono mai scaduto". Si riferisce al 'Cerchio magico' che contorna Berlusconi e per il quale si limita a fare ironia: "Non mi interrogo tanto sull'esistenza del cerchio, ma soprattutto sul termine magico, visti i risultati...".

"Più che Fitto fuori da Forza Italia, direi che è Forza Italia che non c'è più" dice ancora l'eurodeputato che ribadisce: "Abbiamo bisogno di andare oltre e guardare avanti per un centrodestra moderno". "FI - continua - è un capitolo chiuso, noi stiamo lavorando per una prospettiva diversa".

Non vuole dire ancora chi lo seguirà ma è sicuro: "C'è tanta gente che la pensa come me ma non ha il coraggio di dirlo". Soprattutto ora che ci sono le regionali. Ma per il futuro c'è tempo e "se si vota nel 2018 ci vogliono le primarie". E anche Salvini, sostiene, "dopo il 31 maggio credo porrà' la questione".

Le reazioni

"Mi dispiace che esca dal Ppe, mentre riguardo alla fine del suo rapporto con FI, mi sembra la cronaca di un film già visto" commenta Alfano che, pure lui da ex delfino, sorride del coraggio mostrato da Fitto: "È molto piu' facile farlo con FI al 12%, noi abbiamo avuto il coraggio di farlo quando erano al 29%". La decisione di Fitto "ha un enorme valore. È un atto rifondativo" del centrodestra, esulta invece Daniele Capezzone ricordando la lettera inviata con 30 parlamentari al Telegraph a sostegno della campagna elettorale di Cameron il 26 aprile scorso. Si dispiacciono gli eurodeputati Laura Comi e Fulvio Martuscello che al contrario della Comi lo attacca: "Abbiamo vissuto anni bui, ma nemmeno per un attimo abbiamo pensato di lasciare il Presidente".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Berlusconi-Fitto: è rottura

"C'è qualcuno che pensa di essere andato oltre, per me è andato fuori" ha detto il leader di Forza italia a Lecce in un botta e risposta a distanza

Commenti