Elezioni: l'Italia a 5 stelle e molto arrabbiata

I due movimenti di protesta del Paese, M5S e Lega, hanno ottenuto i maggiori consensi. Ma ora si apre la partita governabilità

luigi-dimaio

Luigi Di Maio – Credits: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Sara Dellabella

-

L'Italia come previsto, all'indomani dal voto, si è svegliata a 5 Stelle. Quello che non era previsto però è che in questo quadro di instabilità politica a dominare fossero pesantemente i due movimenti di protesta che abitano nel nostro arco costituzionale.

La Lega Nord nata all'indomani di Tangentopoli e il Movimento 5 Stelle che fin dai primi “Vaffa day” si è sempre opposto ai malcostumi della casta. Seppure inconcludenti sul piano politico, i grillini anche dove hanno governato non hanno dimostrato grandi capacità eppure la loro inesperienza continua a rimanere una garanzia per gli elettori che gli hanno regalato un 30% di consensi alle urne.

Il crollo del Pd

Quello che più colpisce è la desertificazione della sinistra e del Pd. Renzi in 14 mesi ha perso il 20% dei consensi e un pezzo di partito confluito in LeU che da solo supera di poco il 4%. Al dato nazionale si somma anche la sconfitta all'uninominale di alcuni big sui territori come Dario Franceschini, Deborah Serracchiani, Teresa Bellanova, Marco Minniti. Uomini chiave del governo Gentiloni e da sempre elogiati come esempi di buon governo da Matteo Renzi.

Sull'immediato ci si aspetta una resa dei conti interna al partito, ma sul lungo periodo, una volta deposte le armi di guerra, sarà il caso di analizzare le ragioni di uno schema che non funziona più e di un leader che ha logorato il suo consenso.

La forza di Matteo Salvini

Meglio non va al centrodestra dove Forza Italia, Fratelli d'Italia e Noi con l'Italia di Raffaele Fitto rimangono oscurati dalla forza trainante di Matteo Salvini e dalla sua retorica antieuropeista, anche se i candidati Bagnai e Borghi, gli economisti antieuro, non sono stati eletti nei collegi uninominali dove si scontravano con Pier Carlo Padoan, Ministro dell'economia uscente, e Matteo Renzi.

Cosa succede da oggi

Da oggi si aprono le stagioni delle manovre e dei calcoli. Addizioni che oggi potrebbero dare vita a maggioranze alternative a quelle che avremmo prefigurato fino a qualche giorno fa. Il centrodestra pur essendo numericamente la prima coalizione non ha i numeri sufficienti per formare un governo, mentre l'alleanza della Lega Nord con i 5 stelle di Di Maio supererebbe il 50 per cento.

Come previsto, ci siamo svegliati nell'instabilità, ma con un'Italia che da nord a sud ha premiato i movimenti antisistema che dovranno sedere ad un tavolo per non sciupare l'occasione di formare un esecutivo, il primo a livello europeo con queste caratteristiche.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le leggi strambe del M5s

Raccolta differenziata mozziconi, divieto di accompiamenti tra uomini e animali. Ecco i disegni di legge presentati dai deputati M5s

Alessandro Di Battista: l'altra faccia del M5S

Dice di essersi ritirato dalla politica ma affianca Luigi Di Maio nella campagna elettorale. Il motivo? Si prepara alla futura leadership

Il programma del M5S? Non chiamatelo "politico"

20 punti di propaganda pura. Nessuna idea nuova, ma un elenco di maggiori spese da finanziare (dicono) con meno sprechi e la lotta all'evasione

Commenti