Politica

Ecco chi difende Sy, senegalese, terrorista, che voleva uccidere 51 bambini

Anche davanti a questo episodio Livia Turco, Gad Lerner ed altri hanno trovato giustificazioni al gesto dell'uomo

Schermata 2019-03-22 alle 07.44.40

Nemmeno davanti alla gravità del gesto di Ousseynou Sy, il senegalese che dopo aver sequestrato 51 bambini sul suo bus voleva bruciali a Linate (in poche parole il più grande atto di terrorismo della storia del nostro paese) qualcuno ha perso l'occasione per ricredersi, almeno un minimo. L'occasione per ammettere almeno una volta che esista un probblema immigrazione ed integrazione nel nostro paese. 

Sul web ieri l'Italia era spaccata in due. Sui social migliaia di commenti erano di giustificazione e comprensione. E anche alla nostra redazione e sulla nostra pagina fb l'analisi su quanto accaduto non è stata apprezzata da tutti.

Livia Turco, ex ministro, figura storica della sinistra ospite ad una trasmissione tv dovendo commentare l'accaduto ha così risposto: «Sono fatti che creano angoscia e allarme, ma che vanno compresi». “Come compresi?” L'ha interrotta incredula la conduttrice. «Compresi nel senso di comprenderne la ragione». Comprenderne la ragione.

La ragione e la giustificazione sono state spiegate, per iscritto su fb, da Gad Lerner: "La follia criminale del cittadino italiano Ousseynou Sy è l'esito di una contrapposizione isterica che manifesta ostilità agli immigrati additandoli come privilegiati, negando le loro sofferenze e la loro umanità. Impersonata per fortuna dai bambini di Crema e dai carabinieri di San Donato Milanese". Traduzione e sintesi: è colpa di Salvini, isterico e fascista.

Le opinioni si rispettano, tutte. E da una parte per chi la pensa in maniera diversa, per chi è in contatto con la realtà, fanno un po' sorridere. Ma almeno ammiriamo la coerenza di Livia Turco e Gad Lerner, da sempre schierati a favore dei migranti e degli immigrati. A prescindere. 

Quello che questi signori però non capiscono è che la gente vive su un altro pianeta, quello reale. Quello dove si va a votare e si premia il fascista Salvini bastonando la sinistra dell'accoglienza senza limiti ridotta ad una opposizione inutile ed impotente.

Se proprio non riescono a cambiare opinione consigliamo almeno il silenzio. Ma, niente, non ce la fanno.

© Riproduzione Riservata

Commenti