Roberto Catania

-

Aggiornato il 04/03/2018

Movimento 5 Stelle primo partito con il 25-27%, PD al 22-24% con la coalizione di centro sinistra intorno al 27-29%, Forza Italia e Lega sostanzialmente pari intorno al 15% ciascuno e centro-destra prima coalizione con un percentuale variabile tra il 35 e il 38%, Liberi e Uguali 4,5-5,5%. Sono queste le previsioni stilate da The World Post, società specializzata nell'analisi dei big data. 

La proiezione - che si affianca a quella dei sondaggi conclusisi come noto lo scorso 16 febbraio - arriva dopo un analisi di lungo periodo che si è concentrata sulle indicazioni provenienti dai social network e dagli organi di informazioni mediatica, online e offline. Tutti i dati, spiega Paolo Bonetti, fondatore e titolare della società, sono state "digeriti" da Delfy, un software basato sull'intelligenza artificiale in grado di valutare non solo il numero di like, reazioni e commenti dell'audience online, ma anche il cosiddetto sentiment, ovvero gli umori - positivi o negativi - degli utenti dinnanzi alle conversazioni più rilevanti.

Una cosa comunque è certa: per il popolo della Rete i due politici più chiacchierati di questa campagna elettorale sono senza dubbio Matteo Salvini e Luigi di Maio. Nell'ultimo mese il leader della Lega ha generato l'engagement più alto in assoluto (4.5 milioni di interazioni) davanti al candidato premier del M5S (3.7 milioni). Quest'ultimo ha subito un forte impatto dallo scandalo rimborsopoli sollevato dal servizio delle Iene, ma è riuscito a rimediare piazzando un paio di post virali proprio sul finire della campagna elettorale: la presentazione della squadra di governo del 1 Marzo e la chiusura della campagna elettorale da Piazza del Popolo del 2 Marzo.

Delphy 1 final

Silvio Berlusconi è risultato il candidato meno attivo sui social, tuttavia la conferma di Antonio Tajani come premier arrivata negli ultimi giorni di campagna elettorale è parsa un’ottima strategia per avvicinare i moderati alla coalizione di centrodestra. Questo almeno è ciò che si evince dalle reazioni del web.

Meno brillante la risposta mediatica intorno a Matteo Renzi: il segretario del PD è rimasto un po' in ombra nell’ultimo mese e mezzo di campagna elettorale e la candidatura di Tajani per Forza Italia sembra aver accentuato la sua distanza da una certa frangia di elettori moderati.

Settimana 26-4 marzo

Un'altra settimana favorevole a Luigi Di Maio, con ben due post che fanno segnare il picco massimo d'interazione sui social: la diretta da Piazza del Popolo con la chiusura della campagna (143.979 interazioni, sentiment 65% positivo) e il post relativo alla presentazione della squadra di governo (256.665 interazioni, sentiment 65% positivo).

Delphy 8 final

6 febbraio 2018: Matteo Salvini genera un picco di engagement con il suo intervento al Parlamento Europeo totalizzando 135.117 interazioni.

Settimana 19-25 febbraio

Il post di Luigi Di Maio sull’inchiesta rifiuti in Campania che ha portato alle dimissioni del figlio di De Luca, è quello che ha generato il picco più alto di engagement. Il post, che consiste di una singola immagine che riprende i due Figli di Vincenzo De Luca insieme al padre, ha generato 143.979 interazioni in una giornata.

Delfy 20 feb reactions

Il sentiment calcolato sui 6 mila commenti è al 56% positivo

Delfy 20 feb sentiment 2

Nella stessa settimana grande exploit della diretta di Matteo Salvini da Piazza Duomo che nella giornata del 24 febbraio fa registrare un picco di 131.454 interazioni.

Andamento Delfy 24 febbraiio

Il sentiment calcolato sui 41 milla commenti è al 61% positivo.

Delfy Salvini-24-02


Settimana 12-19 febbraio

A far saltare i contatori di Internet è il dibattito scaturito dal servizio delle Iene relativo ai mancati rimborsi del M5S. Il post del 13 febbraio con cui Luigi Di Maio ha commentato il suo incontro con l’inviato della trasmissione Mediaset Filippo Roma ha registrato il picco più alto di engagement dall’inizio della campagna eletterale: 283.861 interazioni.

Delfy 13 feb reactions

Letteralmente spaccato in due il cosiddetto sentiment della Rete, ovvero gli umori della piazza: il 51% è a favore di Di Maio, il 49% di parere opposto.

Delfy 13 feb sentiment

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Elezioni Politiche 4 marzo. Come si vota | video

Elezioni: come conquistare il voto degli indecisi

Crescita, occupazione, tasse, Europa: servono ricette basate sulla realtà per far uscire gli italiani dall’inerzia pessimista e rancorosa

Elezioni politiche 2018, chi sarà il prossimo presidente del consiglio

Saltata l'ipotesi di governo M5S-Lega, Carlo Cottarelli al Colle per ricevere il nuovo incarico

Commenti