Vasco, "Sono innocente": la pagella canzone per canzone
Universal
Vasco, "Sono innocente": la pagella canzone per canzone
Musica

Vasco, "Sono innocente": la pagella canzone per canzone

I voti ai 15 brani del nuovo album. Tra hard rock, blues, ironia e disincanto. E qualche power ballad da incorniciare per il rocker che compie oggi 63 anni

Sono innocente: i voti brano per brano


Vasco compie oggi 63 anni. Insime al compleanno festeggia il grande successo del suo ultimo album, Sono innocente. "Il titolo è volutamente provocatorio, l’artista è sempre innocente quando compone, se non l’artista, è innocente la sua opera. Il titolo è Sono innocente ma…. Quel "ma" apre una ridda di interpretazioni. Io sono fuori dalla categoria buoni o cattivi, innocenti e colpevoli. Se ti dichiari innocente e sei colpevole, vieni punito più pesantemente dal giudice. Quando c’è l’onestà, dell’innocenza posso anche fare a meno". A seguire, la pagella delle canzoni del disco. Una per una...

1) Sono innocente ma



Vasco sul banco degli imputati si difende a colpi di rock and roll. "Io resto in piedi come Rocky" canta su una base hard rock con gran spolvero di chitarre. Un classico. Voto: 8

2) Duro incontro



Ancora sonorità hard rock. Tornano alla memoria pezzi della prima era come Fegato spappolato e Sono ancora in coma. Voto: 6

3) Come vorrei



Una delle cifre stilistiche di Vasco sono le power ballad accompagnate da crescendo epici. Questa è indubbiamente una delle meglio riuscite degli ultimi anni. Voto: 7

4) Guai



"Guai/non devi dirlo mai/che adesso non lo sai se poi mi amerai tutta la vita". Un gran pezzo introdotto dalle chitarre acustiche. La vena malinconica e disincantata di Vasco al suo meglio. Voto: 7,5

5) Lo vedi



Una canzone "cattiva" con un riff di chitarra durissimo. Potente, ma niente di epocale. Voto: 5,5

6) Aspettami



"Giuro che non ti sto pensando, ma non è vero". Un tempo medio intenso quanto basta. Voto: 6

7) Dannate nuvole



Uno dei brani migliori dell'ultima produzione. Perfetta dall'inizio alla fine. La formula magica del Blasco: melodia ed intensità rock perfettamente combinate. Voto: 8

8) Il blues della chitarra sola



Il sound del Delta del Mississippi è il sottofondo di un brano filastrocca di grande impatto. Il Vasco-blues funziona sempre. Voto: 8

9) Accidenti come sei bella



Ha un sapore piacevolmente battistiano una delle canzoni più ispirate del disco. Un singolo praticamente perfetto. Voto: 7,5

10) Quante volte



"Quante cose sono cambiate nella vita... quante volte ho pensato è finita, poi mi risvegliavo il lunedì".  Guarda indietro e si guarda dentro Vasco. E lo fa con un pezzo irresistibilmente malinconico ed emozionante. Voto: 8

11) Cambia-menti



"Cambiare vita è quasi impossibile... cambiare partito è molto facile" recita il testo. Un brano-manifesto nel segno del blues. la parte di fiati è da incorniciare. Voto: 7,5

12 Rock star



Un roboante pezzo da stadio interamente strumentale. Ritmo serrato, chitarre e tanta adrenalina. Epico. Voto: 6,5

13) L'uomo più semplice



La forza dergli archi e il suono esplosivo delle chitarre uniti in un incontro tra i più virtuosi del disco. Voto: 7

14) L'ape regina



"L'ape regina è dolce e un po' sgualdrina". Ottimo brano con qualche incursione nello "stile Branduardi". Molto divertente. Voto: 7

15) Marta piange ancora



Un tuffo nel passato remoto: Vasco scrisse questa canzone a 15 anni. Infatti il pezzo, molto, molto bello, ricorda proprio l'atmosfera dei primi leggendari dischi del Blasco. Voto: 8

Ti potrebbe piacere anche

I più letti