La lettera di Bergoglio ad Assad
SANA NEWS
La lettera di Bergoglio ad Assad
News

La lettera di Bergoglio ad Assad

Il Papa ha fatto recapitare al presidente siriano una missiva chiedendogli di moltiplicare gli sforzi per mettere fine alla guerra

È stato il nunzio apostolico Mario Zenari a consegnare personalmente al presidente Assad la lettera che aveva preparato papa Bergoglio. Una lettera dove il pontefice esprime solidarietà al popolo siriano, condanna ogni forma di estremismo e chiede al numero uno di Damasco di «moltiplicare gli sforzi di tutti per mettere fine alla guerra in Siria e ripristinare la pace».  

Assad, secondo l'agenzia Sana che pubblica alcuni stralci della missiva, si sarebbe complimentato  con Zenari per la sua recente promozione a cardinale, ha sottolineato «la grande importanza che il Papa accorda alla Siria e al suo popolo», ma non avrebbe fornitp risposte di merito alle richieste del Papa:  «Lo Stato e il popolo siriano - avrebbe detto Assad - sono risoluti nel ripristinare la sicurezza e la stabilità ed è intenzionata a continuare sulla strada delle riforme, perché questa è la via migliore per realizzare questo obiettivo».  

NONVIOLENZA ATTIVA E CREATIVA
Francesco era tornato domenica 10 dicembre, all'Angelus dell'Avvento, a chiedere la pace per la Siria e l’impegno di tutti per proteggere la popolazione di Aleppo. «Purtroppo ci siamo ormai abituati alla guerra», che ha definito «un cumulo di soprusi e di falsità». «Ogni giorno sono vicino, soprattutto nella preghiera, alla gente di Aleppo, non dobbiamo dimenticare che Aleppo è una città, che lì c’è della gente: famiglie, bambini, anziani, persone malate».

 Il Messaggio del Papa diffuso oggi per la Giornata mondiale della Pace che la Chiesa celebra ogni primo gennaio ha sottolineato invece l'importanza della «nonviolenza attiva e creativa» e il rigetto della violenza, «che non è la cura per il nostro mondo frantumato», attraversato da una «terza guerra mondiale a pezzi», da imponenti flussi migratori e dalla crisi ambientale. La violenza, ha detto il Papa, ha l'unico effetto di «scatenare rappresaglie e spirali di conflitti letali che recano benefici solo a pochi “signori della guerra”».  

 IL BARLUME DI SPERANZA DEL VESCOVO CALDETO
Oggi, in concomitanza con la conquista di gran parte di Aleppo da parte delle forze russo-siriane, il vescovo Caldeo di Aleppo, Antoine Audo, ha parlato invece di un «miglioramento sensibile con l’avanzata delle forze governative e il ritiro delle milizie»:   «C'è barlume di nuova speranza alla luce dell’avanzata dell’esercito siriano, soprattutto ai margini del quartiere di al-Shaar. Da quando l’esercito siriano ha iniziato a riprendere il controllo della situazione della sicurezza - comunica - l’ottimismo ha cominciato a irradiarsi di nuovo nei cuori dei cittadini che vedono vicino un ritorno della situazione nel suo corso e la possibilità di ritrovare una certa stabilità»

Ti potrebbe piacere anche

I più letti