Rita Fenini

-

Da ieri pomeriggio, in tutta la Spagna, sono in corso proteste per la sentenza emessa dalla Corte di Navarra contro cinque uomini accusati di aver violentato in gruppo, due anni fa, una ragazza di 18 anni durante la festa di San Firmino.

Gli uomini, che all'epoca dei fatti avevano tra 27 e 29 anni, facevano parte di un gruppo chiamato "La Manada" ("il branco di lupi") e sono stati condannati per abusi sessuali a nove anni di prigione e non per violenza sessuale, crimine ben più grave e per il quale l'accusa aveva chiesto 22 anni.

Da qui lo sdegno e le proteste che, da Pamplona, si sono estese a macchia d'olio in tutto il Paese, da Madrid a Barcellona, passando per Valencia, Siviglia, Toledo e molte altre città spagnole: in piazza migliaia di donne (e non solo) di ogni età e ceto sociale che, con striscioni e cartelli, hanno urlato all'unisono "Non è un abuso, è uno stupro" e "Se toccano una di noi, toccano tutte". Molte indossavano guanti rossi, simbolo di protesta contro la violenza sessuale.

In piazza anche diversi esponenti politici, tra cui Pablo Iglesias, leader di Podemos e Pedro Sánchez, segretario del Partito Socialista spagnolo.

Le motivazioni della sentenza

Come riporta il quotidiano spagnolo "El Pais", la Corte è rimasta divisa sulla sentenza fino all’ultimo, nonostante esista un video dei fatti: durante la violenza, infatti, uno degli uomini avrebbe girato un filmato con l’intento di condividerlo con i suoi amici su WhatsApp.

Nonostante nella sentenza si riconosca che “le relazioni si sono svolte in un contesto soggettivo e oggettivo di superiorità degli imputati, la vittima mostra "un rictus" (contrazione dei muscoli facciali) assente, tiene tutto il tempo gli occhi chiusi, non fa nessun gesto rispetto l’atto sessuale". La ragazza ha dovuto spiegare in aula che era terrorizzata da quanto stava accadendo e che la paura l’ha paralizzata.

Intanto, sia gli avvocati della vittima che quelli degli imputati hanno affermato che si appelleranno contro il verdetto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Violenza sulle donne: ecco cosa fa la politica

Dalla legge contro lo stalking (da rivedere) al Piano Triennale antiviolenza, i provvedimenti in atto

Violenza sulle donne: 5 storie di eroi quotidiani

Persone che hanno dedicato la propria vita al sostegno e alla cura delle donne vittime di soprusi, violenze e stupri

Violenza sulle donne: 5 storie terribili di femminicidio

Dalla sedicenne Noemi alla pittrice Renata Rapposelli. I casi che hanno commosso l'Italia nel primi mesi del 2017

Violenza sulle donne: a che punto siamo in Italia

Fino a ottobre 2017 117 casi di femminicidi, 149 nel 2016. Poche denunce, troppa solitudine. Sabato 25 novembre un giorno speciale per opporsi

Commenti