Esteri

Usa: terrorismo e Trump al centro del dibattito dei repubblicani

Gara a chi è il più duro con l'estremismo islamico fra i candidati del Gop, ma tutti contro gli eccessi del front runner. Rubio criticato da Cruz

usa-repubblicani-dibattito

Redazione

-

Distruggeremo lo Stato Islamico, assicurano i candidati repubblicani al dibattito della Cnn a Las Vegas.
Un dibattito tutto incentrato sul terrorismo che ha però avuto Donald Trump (soprattutto) e, in parte, Marco Rubio come principali bersagli delle esternazioni degli altri esponenti del Gop.

Per Trump ci sono state le reprimende soprattutto per la clamorosa uscita che promette di tenere lontani dagli Stati Uniti tutti i musulmani.

Mentre per il senatore della Florida, Rubio, c'è stata l'offensiva di Ted Cruz, il texano, che lo ha accusato di non essere abbastanza conservatore sulle questioni di sicurezza nazionale e immigrazione e di accompagnarsi a un liberal come il senatore Chuck Schumer di New York nel volere una sorta di "amnistia" per gli immigrati che sono illegalmente nel paese.

"Non possiamo dissociarsi dai musulmani che amano la pace", ha detto Bush, l'ex governatore della Florida che sta cercando di rivitalizzare la sua asfittica campagna: "Donald è grande nelle battute, ma è un candidato del caos e sarebbe un presidente del caos".

Anche il senatore Rubio, che a sette settimane dall'avvio delle primarie nell'Iowa è in crescita nei sondaggi, ha liquidato la proposta di Trump, attualmente in testa, secondo le indagini demoscopiche,  per la nomination alla candidatura presidenziale repubblicana nel 2016, come impossibile da realizzare.

L'uno dopo l'altro i candidati hanno enumerato le minacce terroristiche, radicali, islamiste e jihadiste per interrogarsi, come all'indomani degli attentati dell'11 settembre, sul giusto equilibrio tra sicurezza nazionale e protezione delle libertà individuali e della vita privata, e hanno promesso fermezza e determinazione rispetto alla presunta debolezza dell'attuale inquilino della Casa Bianca, Barack Obama.

Unica voce discordante, quella del senatore Rand Paul, rappresentante dell'ala libertaria del Gop: "Penso che se vietiamo alcune religioni, se censuriamo Internet, ad un certo punto i terroristi avranno la meglio".

Contro Obama
Tutti compatti poi nell'attaccare Obama, ossessionato secondo loro dal 'politicamente corretto' e che ha messo a rischio le difese dell'America, per esempio accettando i profughi siriani: sul tema tutti hanno ribadito la loro opposizione all'accoglienza.

Da notare infine, che i due meglio posizionati nei sondaggi a livello nazionale, Trump e Ted Cruz, hanno sempre evitato la scontro diretto, schivando bene le domande e provocazioni dei moderatori della Cnn, che invece aveva utilizzato il loro possibile scontro per promuovere il dibattito. (New York Times, AGI)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Zuckerberg contro Trump: sostegno ai musulmani

Dopo le dichiarazioni del candidato repubblicano alla Presidenza Usa, il fondatore di Facebook scrive: "Combatteremo per proteggere i vostri diritti"

Tutte le frasi shock di Donald Trump

Le provocazioni imbarazzanti del presidente americano. Dalle parole sessiste alle giornaliste di Fox News e Msnbc fino agli insulti agli immigrati da El Salvador e Haiti

Commenti