Un ticket Hillary Clinton-Elisabeth Warren?

Per coprirsi a sinistra l'ex First Lady potrebbe offrire la vicepresidenza a un'icona di Occupy: la battagliera senatrice nativo-americana

elisabeth_warren

Elisabeth Warren – Credits: UFFICIO STAMPA/EW

Paolo Papi

-

Sessantasette anni, senatrice pellerossa dello stato del Massachusetts, ex docente ad Harvard e paladina dei diritti delle minoranze molto stimata dalla famiglia Obama ma anche dai leader di Occupy. Elisabeth Warren, storica esponente della sinistra interna del Partito democratico, potrebbe diventare la carta segreta di Hillary  per conquistare gli elettori di  Sanders in vista della Convention di Cleveland? Ne sono convinti molti organi di stampa statutinensi, non ultimo il decano del giornalismo politico americano,  Donovan Slacksecondo il quale Elizabeth Warren ormai parla «like a VP» laddove VP sta per vicepresidente: il famoso, e ipotetico, ticket Hillary-Elisabeth, di cui si fa un gran parlare nelle segrete stanze del partito democratico.

Ma da dove nasce questa ipotesi? È presto detto. Negli ultimi giorni, mentre i due sfidanti dem continuavano a battibeccare a  mezzo stampa, è stata Elisabeth Warren ad attaccare più duramente il populismo e il sessismo di Donald Trump. Lo ha fatto con una sfilza di tweet che hanno mandato in sollucchero i suoi fan e scatenato le caustiche risposte di The Donald, sempre in 140 battute e sempre attaccando la Warren sull'unica cosa su cui si sarebbe dovuto astenere: le orgini nativo-americane della sua avversaria.  Non rinunciando nemmeno come è nel suo stile a utilizzare - per la gioia dei suoi fan - epiteti ingloriosi, come goofy, idiota, che sono stati banditi anche giustamente dalla politically correctness americana.

L'ipotesi di un ticket Hillary-Warren ha in effetti una sua logica politica. Per coprirsi a sinistra, ed evitare che molti supporter di Sanders possano voltarle le spalle a novembre, l'ex segretario di Stato ha bisogno di un nome che non sia sgradito alla sinistra del partito, anzi che ne sia un'autentica espressione, senza mascheramenti né doppiezze. Quale nome migliore di Elisabeth Warren che già in passato, prima che il senatore Sanders decidesse di partecipare alla corsa, veniva data come  sfidante di Hillary alle primarie? È vero che il rapporto tra Hillary e Elisabeth non è mai stato idialliaco, ma è anche vero che né l'una né l'altra sono politiche di primo pelo. 

Originaria di una famiglia di umili origini, spirito guerriero, Elisabeth Warren è una delle icone di Occupy ed è apparsa in Capitalism, a love story di Michael Moore e in Inside Job, il docufilm che vinse l’Oscar dedicato alla crisi del 2008. Non si contano poi le sue battagliere audizioni al Senato per cercare di limitare il potere dei banchieri e di Wall Street. Quale figura migliore coin cui accompagnarsi per una donna come Hillary che per larga parte dell'opinione pubblica è percepita come il candidato dei poteri forti? Lo vedremo nelle prossime settimane.

© Riproduzione Riservata

Commenti