Esteri

Siria, Amnesty: "A Saydnaya 13 mila prigionieri nei forni crematori"

L'organizzazione umanitaria denuncia una campagna di orrori del regime di Assad che in cinque anni ha provocato migliaia di vittime

Il lager di Saydnaya

Redazione

-

Il regime siriano "ha autorizzato e nascosto una campagna mostruosa di orrori a Saydnaya".

Lo scrive Amnesty international in un rapporto, reso noto lo scorso febbraio, sulla prigione in cui secondo il Dipartimento di stato americano è stato realizzato un grande crematorio in in cui bruciare i cadaveri dei detenuti giustiziati.

"Tra il 2011 e il 2015 - spiega l'organizzazione - ogni settimana e spesso due volte a settimana fino a 50 persone sono state tirate fuori dalle celle e impiccate. In cinque anni almeno 13.000 persone, tra cui civili che si opponevano al governo, sono stati impiccati in segreto a Saydnaya", a 30 km da Damasco.

Non solo: nella prigione "sono inflitte ai detenuti condizioni inumane, torture, sistematiche privazioni di acqua, cibo, cure mediche e medicine" mentre sono costretti a ubbidire a "regole sadiche".

I negoziati di Ginevra, afferma Amnesty, "non possono non tenere conto" di questi "crimini contro l'umanita'" e consentire a "osservatori indipendenti di aver accesso ai luoghi di detenzione".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Siria. L’ultimo genocidio

Il nuovo libro del vaticanista Riccardo Cristiano per comprendere cosa sta accadendo nel paese mediorentale

Siria: la strage dei bambini

126 vittime di cui 68 bambini uccisi dal pick-up bomba in un campo profughi sciita a Rashineen. Erano pronti per essere evacuati

Siria: perché è il momento di cacciare Al Assad

L'incontro Lavrov-Tillerson deve definire le sorti di un Paese dilaniato da una dittatura nata come apparente democrazia

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965